A- A+
Politica

Luca Zaia chiede l'intervento in Veneto del segretario della Lega, Roberto Maroni, perche' dopo l'ultimo commissariamento, per la provincia di Venezia, si e' arrivati, denuncia, alla "esecuzione in pubblica via" e a operazioni "chirurgiche". Il presidente della Regione Veneto difende Flavio Tosi (deve "restare al suo posto" in segreteria regionale) e chiede una situazione piu' distesa. "Intervengo con l'intenzione di non buttare benzina sul fuoco e senza velleita' politiche", ha premesso Zaia, che ha spiegato di "prendere atto della decisione del Consiglio nazionale", ma al tempo stesso di "non condividerlo". ( "Non ho mai condiviso i commissariamenti, prova ne sia che lo scorso gennaio sono intervenuto io in consiglio federale perché non fosse commissariata Verona", ha ricordato Zaia.

Ma quella sulla Lega di Venezia, ha aggiunto, e' "un'azione pesante". "A me spiace per questo: dallo scambio di prigionieri di cui avevo parlato, siamo arrivati - ha incalzato - alle esecuzioni sulla pubblica via". "Ho parlato con Maroni, che mi conferma di non aver mai dato assenso a questa partita", ha rivelato Zaia, prima di dirsi convinto che il segretario federale della Lega "abbia oggi la necessita' di prendere in mano questa vicenda, che sembrava chiusa e invece e' riaperta con un fulmine a ciel sereno".

Tags:
zaiavenetomaroni
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.