A- A+
PugliaItalia

La città è casa tua, tienila pulita.

Rispettare l'ambiente, non sporcare le strade e le piazze, curare la raccolta dei rifiuti, impegnarsi nella raccolta differenziata. Questo è il messaggio lanciato attraverso la campagna civica promossa da Comune di Bari e AMIU Bari.

“Un lavoretto pulito”, con Dino Abbrescia, Paolo Sassanelli e Nicola Valenzano, nonché l'amichevole partecipazione di SCHWEINSTEIGER.

Un'idea di PROFORMA, per la  regia di Alessandro Piva.

 

A partire da oggi lo spot, di circa 4 minuti, sarà diffuso sul web: Dino Abbrescia e Paolo Sassanelli tengono in ostaggio, in casa sua, un cittadino dalle “pessime abitudini” in materia di igiene urbana, mostrandogli attraverso degli scatti fotografici le sue cattive azioni quotidiane, dalle cicche di sigarette lasciate per strada ai sacchetti di immondizia lanciati fuori dei cassonetti.

I due uomini, che ricordano i protagonisti de Lacapagira per natura e temperamento, rendono al cittadino tutto ciò che questi ha commesso a danno della città, sporcando la sua abitazione anche con l’aiuto di Schweinsteiger. “Siamo una città con grandi pretese di pulizia - ha commentato il sindaco Emiliano - e noi ci affanniamo per tenerla pulita come fosse una casa. La cosa buffa, però, è che a questa richiesta legittima corrisponde quasi sempre un comportamento poco virtuoso.

emilianouil

"Lancio, dunque, un appello a tutti", ha detto il Sinadco di Bari Michele Emiliano, "le sigarette spente non gettatele per terra ma, in assenza di un portacenere nelle vicinanze, tenetele in tasca. Lo stesso vale per il conferimento nei cassonetti: possono esserci mille motivi per cui sono pieni ma non c’è giustificazione al fatto che i rifiuti vengano gettati per strada. Anche sui materiali ingombranti è bene sapere che esistono dei centri di raccolta, quindi non ha senso abbandonarli. E poi, resta il problema delle deiezioni canine, ma basta avere paletta e sacchetto e il cane si può gestire tranquillamente, garantendo igiene e pulizia".

"Allora mi chiedo come sia possibile - ha proseguito Emiliano - che la stessa gente abbia tanto interesse per la pulizia della città e tante condotte sbagliate? Noi stiamo facendo la nostra parte, anche elevando sanzioni nei confronti di cittadini e del personale stesso dell’Amiu - oltre 500 le sanzioni disciplinari - per garantire la massima efficienza. Questi risultati però vanno completati con il contributo delle persone, altrimenti tutto diventa vano. Occorre avere una visione chiara dei veri responsabili di ogni fenomeno e, quindi, lo sforzo dell’azienda deve essere accompagnato da un maggiore impegno da parte di tutti".

"Mi auguro che questo spot, riprendendo i personaggi de Lacapagira che oggi sono cambiati e si mostrano sensibili a queste tematiche, riesca a far comprendere che il protagonista della pulizia urbana non è l’Amiu ma il cittadino”.

Il sindaco Emiliano ha anche lanciato un appello agli organi di stampa e ai cinema della città affinché adottino lo spot come campagna di sensibilizzazione.

Maugeri

“Questo - ha dichiarato l’assessore all'Ambiente, Maria Maugeri, presentando una maglietta con il claim dello spot La città è casa tua. Tienila pulita che verrà distribuita come gadget - è il risultato di alcune delle idee che abbiamo in mente. Con Amiu stiamo compiendo un lavoro più capillare, quartiere per quartiere, e se siamo qui oggi lo dobbiamo al ricavato economico delle multe per reati ambientali che ci hanno consentito di realizzare lo spot. Questo filmato girerà in rete in maniera virale, e da giovedì prossimo saremo in piazza del Ferrarese con una location che riprende il salotto dello spot, proprio per informare direttamente i cittadini”.

“Voglio ringraziare l’amministrazione comunale che ha investito e creduto in questa azienda - ha concluso il Presidente dell'AMIU, Gianfranco Grandaliano - l’Amiu fino a dieci anni fa era in condizioni di dissesto economico con un deficit di 13 milioni di euro. Oggi ha recuperato efficienza ed equilibrio economico-finanziario ed è ora il momento di fare un salto qualità. Ma è bene sottolineare che migliorare la pulizia in città è impossibile senza l’aiuto e l’educazione ambientale dei cittadini. Un dovere da parte di tutti, anche perché se si sporca di meno, si pagano meno tributi".

"Ci stiamo attrezzando per chiudere il ciclo di rifiuti della città di Bari, che è il passaggio decisivo per incrementare la raccolta differenziata. La prossima settimana verrà anche distribuito un manuale che spiega come fare correttamente la differenziata: il nostro augurio è quello di raggiungere entro fine anno le percentuali ottenute in molte città settentrionali".

"Noi possiamo rimodulare gli interventi anche in base elle esigenze dei cittadini, come spesso avviene anche attraverso il contatto diretto con i cittadini grazie alla pagina facebook del sindaco, ma senza il loro supporto diventa tutto inutile”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
baripulitacittàspotpivaproformaamiudifferenziata
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.