A- A+
PugliaItalia
Europee, Berlusconi rilancia: “FI oltre il 25%, sinistra vuole la patrimoniale”

Bari – Alla fine interviene in videoconferenza, Silvio Berlusconi, alla convention barese per le Europee. E si gioca i cavalli di battaglia per tirare la volata ai suoi: dalle pensioni minime da aumentare fino a 800 – 1000 euro alla Corte Costituzionale “organo politico” di parte avversa, fino alla “sinistra di Renzi” che “è ancora la sinistra comunista delle tasse”. "Abbiamo scoperto che stanno pensando a una legge patrimoniale da 400 miliardi, nonché a una legge di successione al 45%", avverte, ma poi rassicura sulla contesa: “Supereremo di sicuro il 25%”.

VIDEO/ Crozza: "Berlusconi condannato a essere sorvegliato dalle telecamere?"/ Brunetta: "Napolitano avallò la rottura con Ncd"

Ad aprire la kermesse sono le foto dei marò Latorre e Girone sulle note dell’Inno nazionale, mentre tocca a Raffaele Fitto fare gli onori di casa. Non solo con i colleghi capilista Toti, Gardini, Miccichè e Tajani, ma anche con il nutrito parterre di ospiti, sparsi tra la folla e riconoscibili nei selfies: Capezzone e Mara Carfagna, Anna Maria Bernini, Renata Polverini e Francesco Storace. Oltre ai pugliesi Baldassarre, Silvestris e Matera e vari big locali. Compresi Francesco Schittulli e Mimmo Di Paola, l’uno accanto all’altro. “Oltre le divisioni, i pettegolezzi e i gossip. Oggi diamo la dimostrazione chiara di unità del partito”, serra le fila l’ex Ministro di Maglie - parlando di riforme e presidenzialismo - “il nostro Paese ha bisogno di essere messo al pari degli altri, andiamo con convinzione verso i territori per andare oltre questa impostazione di Europa, oltre una ipotetica rassegnazione che non c’è”.

L’ex Cavaliere, costretto alla diretta a distanza dal niet del Tribunale di Milano ad ulteriori libertà, torna sul premierato forte, visto che “in Italia un premier non ha poteri. Non può rimuovere nemmeno un ministro né sciogliere le Camere quando il suo governo è vittima di un ribaltone”. E ne ha pure per i “i piccoli partiti” che “guardano sempre al proprio interesse, identificabile con quello del loro piccolo leader”. Con l’intenzione di far fischiare le orecchie anche a qualche Ministro. “Vogliamo cambiare l'Italia, trasformando la maggioranza sociale dei moderati in maggioranza politica”, argomenta l’ex inquilino di Palazzo Chigi, citando i 12mila club e le vittime della giustizia. E striglia: “Se ci fosse un partito intitolato a loro, prenderebbe tra il 18 e il 21%”, prima di incitare alla moral suasion sugli indecisi.

Fitto, Europee, Berlusconi, Bari
 

Stesso appello che aveva riservato – sulle Comunali - anche Filippo Melchiorre in mattinata. “Ora sparpagliamoci e convinciamo quanta più gente possibile per vincere e rottamare De Coubertin”, aveva scandito l’aspirante vicesindaco, durante la presentazione delle liste a sostegno dello schittulliano Di Matteo al Quinto Municipio, lasciando a Schittulli la stilettata all’assessore “semestrale, anzi precario” Vasile, reo di aver lavorato poco per il territorio di Palese e Santo Spirito. “Dedichiamo questa foto di gruppo ad Antonio Decaro, che sarà il capo dell’opposizione”, azzarda il Fratello D’Italia. Gli alleati fanno gli scongiuri perchè non siano le ultime parole famose…

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
europeeberlusconibarifittototirenzisinistracapilista
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.