A- A+
PugliaItalia
Foggia. Operazione Babele Guerra fra clan, 32 arresti

Foggia - Estorsioni, e tentato omicidio, entambi reati aggravati dal metodo mafioso, ma anche: associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, rapina, ricettazione, danneggiamento ed altro. Sono i capi di imputazione ai quali dovranno rispondere i 32 indagati dalla DDA di Bari colpiti da Ordinanza di misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari ed eseguita dai Carabinieri del Comando provinciale di Foggia,  nei territori delle Province di Foggia, Lecce e Reggio Calabria.

Tra gli indagati spicca il nome di Pasquale Moretti noto boss della mafia foggiana. In particolare  21 sono stati destinatari di misure detentive in carcere, 5 invece ai domiciliari con obbligo di firma. Tutti dovranno rispondere a imputazioni relative a fatti riconducibili all'operazione "Babele" perpetrati negli anni tra il 2011 ed il 2013.

Babele fg
 

L'operazione costituisce l'esito di una complessa ed articolata indagine diretta dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, convenzionalmente denominata Babele, che ha svelato i nuovi assetti criminali operanti nel Comune di Trinitapoli, in un contesto di contrapposizione tra i gruppi "Gallone-Carbone" e "Miccoli-De Rosa".  Gli indagati sono ritenuti, a vario titolo, responsabili dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, tentato omicidio, violazione della disciplina sulle armi, rapina, ricettazione, danneggiamento e spendita di banconote false.

L'attività, iniziata nel 2011, si fonda sulle risultanze di una penetrante attività investigativa che ha consentito di fare piena luce sul sodalizio criminoso dedito a svariate attività delittuose. Nello specifico l'indagine ha svelato come Gallone Giuseppe, capo dell'omonimo gruppo, seppur detenuto in carcere poiché ritenuto responsabile di omicidio, grazie ai costanti contatti intrattenuti con la sorella Gallone Giovanna, con il marito di quest'ultima Cincinato Vittorio, con la madre Carbone Marta, con il cugino Gallone Francesco, con Caprioli Domenico ed altri soggetti di minor spessore criminale, tutti a lui fedeli, sia riuscito a garantire l'operatività della propria compagine delinquenziale, grazie anche ad alleanze intessute con organizzazioni criminali della Provincia di Lecce - attraverso i contatti con Vergine Emiliano - e della Provincia di Reggio Calabria, tramite Depaola Rocco di Rosarno e Rullo Francesco di Rizziconi.

Le investigazioni hanno fatto emergere, anche, cointeressenze del gruppo Gallone con esponenti di spicco della società foggiana. In particolare è emerso il coinvolgimento di Moretti Pasquale, elemento di vertice della batteria mafiosa Moretti-Pellegrino-Lanza operante a Foggia e della sorella Concetta negli affari criminali dei Gallone, soprattutto nel traffico illecito di sostanze stupefacenti e banconote false, tale da delineare l'esistenza di una consolidata alleanza da contrapporre ai rispettivi gruppi criminali rivali.

Dall'attività è venuto a galla il traffico di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina, marijuana ed hashish, quale principale attività illecita, che veniva effettuato attraverso una struttura associativa gerarchicamente, organizzata ed armata, che aveva il suo vertice, nonostante il suo stato di detenzione, in Gallone Giuseppe, il quale dal carcere impartiva direttive alla madre Carbone Marta ed al binomio Cincinato Vittorio e Gallone Giovanna sulle forniture e la successiva attività di spaccio, che veniva esercitata soprattutto nei pressi delle loro abitazioni.

L'organizzazione poteva avvalersi anche della possibilità di auto approvvigionarsi attraverso la coltivazione di marijuana in proprio, come dimostra il sequestro di 70 Kg di quella sostanza stupefacente ed un'intera piantagione (1.320 piante) operato dai Carabinieri lo scorso 17 settembre con l'arresto di Cicinato Luigi, padre di Vittorio. Sul versante delle estorsioni, tutte aggravate poiché condotte con metodologia mafiosa, sono cinque gli episodi emersi dalle indagini che vedono esercenti pubblici e titolari d'impresa vittime di Carbone Vito, Lafranceschina Giuseppe, Gallone Francesco e Cicinato Vittorio, tutti della "famiglia Gallone", a cui versavano indebite somme di denaro poiché intimiditi dalla consapevolezza della caratura criminale e pericolosità del gruppo di appartenenza.

Nel caso di un imprenditore, a cui avevano incendiato preventivamente il capannone, per far percepire la concretezza della successiva minaccia, è emerso che lo stesso era vittima anche di De Rosa Pietro, elemento apicale della compagine criminale rivale dei Gallone. L'indagine ha fatto emergere anche la responsabilità di Valentino Francesco e Dassisti Michelangelo, pregiudicati di Margherita di Savoia, in relazione al tentato omicidio di Caputo Michele, avvenuto il 9 luglio 2011, nel parcheggio adiacente al lido Palm Beach di Margherita di Savoia.

Scalfarotto FG
 

Dalle risultanze investigative si è delineata l'attività di gestione abusiva di varie aree di parcheggio, tra cui anche l'area adiacente al lido Palm Beach, da parte della coppia Cicinato-Gallone, in collaborazione con Caputo Michele che rivestiva il ruolo di vero e proprio referente di zona. Dall'odierna indagine è trapelato il movente dell'agguato, riferito all'esistenza di tensioni con Valentino Francesco, per questioni economiche legate proprio alla gestione dei parcheggi.

Durante l'intera attività sono stati effettuati 15 arresti in flagranza di reato, sono stati sequestrati 200 grammi di hashish, 100 di cocaina, 75 Kg di  marijuana, 1.320 piante della stessa sostanza stupefacente e 2 pistole con matricola abrasa. Sono stati, altresì, documentati 153 episodi di detenzione di sostanze stupefacenti e 31 episodi di detenzione abusiva di armi.

Le dichiarazioni a caldo di Ivan Scalfarotto (PD) Sottosegretario alle Riforme del Governo Renzi, mettono in risalto come: : “I trentadue ordini di custodia cautelare emessi dalla Dda di Bari ed eseguiti dalle forze dell’ordine dimostrino che la reazione dello Stato ai poteri criminali c’è ed è robusta ed efficace”.

“L’operazione Babele", osserva il parlamentare del PD, " colpisce al cuore il racket foggiano delle estorsioni e disvela un meccanismo di traffici illeciti che collega diversi centri pugliesi e meridionali. Penso che questo impegno concreto e i suoi risultati tangibili", conclude, "debbano essere di incoraggiamento alla società degli onesti, alle categorie produttive, ai cittadini del nostro territorio”.

(inesmacchiarola1977@gmail.com)

Tags:
foggiababeleclanguerramafiapoliziacarabinieri
i blog di affari
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
allenare la mandibola: Benefici ed esercizi
Anna Capuano
Milano: Convegno per un maggior dialogo tra Ente e cittadino
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.