A- A+
PugliaItalia
Lettieri
Verificare che la nomina del commissario straordinario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata, Ciro Mundi, sia compatibile con le recenti disposizioni introdotte dal Dlgs 39/2013; quali iniziative saranno intraprese, sulla base della normativa vigente, per la ricostituzione degli ordinari organi di amministrazione e quelle che saranno adottate nei confronti della Regione Puglia alla luce del  provvedimento di commissariamento autonomamente avviato dall’Ente che risulterebbe non conforme alla normativa vigente.
 
Sono queste, in sintesi, le richieste contenute nella interrogazione presentata al ministro della Salute con risposta in Commissione Sanità di Palazzo Madama, dal sen. Luigi d’Ambrosio Lettieri, capogruppo PdL in Commissione Sanità del Senato e primo firmatario, sottoscritta da altri sette colleghi del PdL, tra cui il sen. Lucio Tarquinio.
 
“L'Istituto zooprofilattico sperimentale interregionale della Puglia e della Basilicata , con sede a Foggia  è uno dei 10 Istituti zooprofilattici presenti in Italia”, si legge nella interrogazione, “si tratta di un ente sanitario di diritto pubblico dotato di un’autonomia gestionale, tecnica ed amministrativa, che opera nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, in materia di igiene e sanità pubblica veterinaria, quale strumento tecnico-scientifico dello Stato e delle due Regioni”.
 
“Svolge, insomma”, affermano d’Ambrosio Lettieri e Tarquinio, “un' importante funzione per la tutela della salute pubblica e per  il benessere animale”.
Tarquinio
 
Il decreto legislativo n. 106/2012 ha dettato nuove norme in materia di "Riorganizzazione degli enti vigilati dal Ministero della salute, ai sensi dell'articolo 2 della legge 4 novembre 2010, n. 183" prevedendo, tra l'altro, nuove disposizioni sull'organizzazione e funzionamento degli Istituti Zooprofilattici. In particolare nel comma 3 dell'art 11 del Dlgs si legge che "il consiglio di amministrazione può essere sciolto, anche su proposta del Ministro della salute, dal Presidente della regione o della PA interessata, ovvero, nel caso di Istituti interregionali, dai Presidenti delle regioni interessate, d'intesa con i Ministri della salute e dell'economia e delle finanze” e può essere sciolto, tra l'altro, “quando vi è impossibilità di funzionamento degli organi di amministrazione e gestione”.
 
“La Giunta della Regione Puglia”, rileva ancora l’interrogazione, “lo scorso 5 agosto, dopo aver preso atto della sopravvenuta mancanza del numero legale dei componenti del cda dell’Istituto, ha avviato la procedura di commissariamento, nominando, appunto, il commissario”.
 
“A noi risulta”, sottolineano i senatori del PdL, “che il provvedimento di avvio di commissariamento sia stato comunicato al Presidente della Regione Basilicata e inviato solo per conoscenza al Ministero per la Salute. Chiediamo chiarezza e il ripristino delle regole”.
Iscriviti alla newsletter
Tags:
d'ambrosio lettieritarquiniocommissariamentomundizooprofilatticolorenzin
i blog di affari
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
Atti fiscali illegittimi: Convegno a Milano il 20 maggio
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.