A- A+
PugliaItalia
maroni zaia

(ANSA) - ''Il governatore Vendola ha ragione. Di fronte all'assurdita' di un patto di stabilita' che blocca in Tesoreria i soldi 'veri' delle Regioni virtuose (un miliardo 300 milioni solo per il Veneto) unicamente per garantire i buchi in bilancio di quelle sprecone, i colori politici non esistono''.

Lo afferma il presidente della Giunta regionale del Veneto, Luca Zaia, replicando alla dichiarazioni del governatore della Puglia, Nichi Vendola, che propone un fronte comune con Veneto e Lombardia contro il patto di stabilita' interno.

''Invito Vendola - prosegue - a fare fronte comune per riportare sui nostri territori i nostri soldi, per pagare i nostri fornitori e per ridare ossigeno alle economie locali. Lo ripeto: un conto e' il pareggio di bilancio, un conto e' quell'invenzione perversa che si chiama patto di stabilita' interno''. ''Al Veneto, alla Lombardia, alla Puglia, a tutte le regioni che hanno saputo ben amministrare i soldi pubblici - conclude Zaia - va consentito di poter utilizzare quello che e' loro. E di nessun altro''.

Tags:
zaiavenetovendolapugliapatto di stabilità
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.