A- A+
PugliaItalia
Emiliano Renzi

Matteo Renzi annuncia di voler far partire da Bari il suo percorso verso la conquista della Segreteria del Pd. Michele Emiliano incassa l'attenzione e ricambia con la dichiarazione immediatamente diffusa:

“Ho ascoltato da casa il discorso di Matteo Renzi all'assemblea del PD alla quale non ho potuto partecipare. Ne ho condiviso il tono ed il contenuto, in particolare l'appello a noi tutti per parlare all'Italia così come essa é oggi e non per come l'hanno sinora immaginata i dirigenti del partito.

Lo ringrazio per avere deciso di partire da Bari nella sua campagna congressuale. Sento che le lunghe conversazioni che abbiamo fatto in questi mesi difficili gli hanno restituito una visione dell'Italia nella quale la questione meridionale deve tornare ad essere questione nazionale, determinante per un vero rilancio competitivo del Paese.

Nelle parole di Cuperlo invece ho sentito solo una riflessione sul partito, come se esso fosse un fine e non semplicemente un mezzo, parole che non possono interessare gli italiani.

Ho apprezzato gli interventi di Pippo Civati e di Gianni Pittella, per la particolare modernità che li ha contraddistinti e per la sensatezza del loro atteggiamento.

E poi ho molto apprezzato la citazione che Matteo ha fatto dell'anniversario della morte di Rosario Livatino, sobrio eroe dell'antimafia e simbolo della Sicilia che non si arrende.

Questo gesto rende evidente che Matteo ha compreso che la lotta senza quartiere alle mafie in ogni regione é centrale per un riscatto nazionale fondato su legalità, eguaglianza e facilità di intrapresa privata. Solo la sicurezza e la legalità delle attività economiche possono salvarci dal disordine e dalla devastazione dell'ambiente e dei diritti dei lavoratori.

Renzi ricomincia da Sud la battaglia della sinistra italiana per superare l'orribile ventennio che ha danneggiato l'Italia più di ogni altro Paese europeo. Ha fatto bene a dire che questo disastro non può essere solo colpa della pochezza personalistica della destra italiana.

Ha ammesso che la proposta politica del PD in questi anni non é stata sufficiente a generare cambiamento. Solo imparando dagli errori commessi e parlando all'Italia intera e non solo ai propri militanti, il PD potrà compiere la rivoluzione della quale il nostro Paese ha bisogno.

Solo un PD coerente tra le affermazioni di principio e il modo di agire quotidiano può salvare il Paese dal declino. Sono dunque pronto a sostenere Matteo Renzi con ogni mia energia, a patto di non aderire ad una corrente, a patto di mantenere la mia autonomia di pensiero, a patto di poter continuare a svolgere fino in fondo il mio lavoro di sindaco di Bari”.

Tags:
renziemilianopdbarisegreteria regionale
i blog di affari
Covid, in autunno torneranno le restrizioni. E sarà caccia dei non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.