A- A+
PugliaItalia
Regionali, Fitto non va Oltre FI: “Ma il partito chiarisca sulle liste”

Bari – Non ci sarà una lista autonoma a trazione fittiana ma è ancora braccio di ferro sulle regionali e l’ex Governatore non ha alcuna intenzione di restare impallinato. I rumours che vedrebbero brindisino Gino Vitali in predicato di prendere le redini del partito pugliese e “commissariare” le liste azzurre - in linea diretta con Silvio Berlusconi - si rincorrono da giorni, insieme al corollario della candidatura di fedelissimi dell’ex premier. A scapito degli uomini vicini all’ex Ministro per gli Affari Regionali: “Attendo una credibile e tempestiva smentita dal mio partito”, attacca l’europarlamentare salentino, precisando che “sia sul piano politico che sul piano giuridico e statutario, è assolutamente impensabile che chicchessia pensi di poter estromettere amici e colleghi dalla prossima competizione elettorale”.

Ad una settimana dalla kermesse romana dei Ricostruttori, l’oppositore pugliese frena smentisce di star lavorando ad una propria formazione nel Tacco – magari sotto il logo Oltre delle Europee - e si dice “impegnato come sempre per il successo della lista di Forza Italia”. E se Vitali rassicura sulla mancata volontà di “ostracismo” ad personam, la richiesta di una pubblica presa di posizione dello stato maggiore serve ad inchiodare formalmente il partito sulle mosse future, dopo l’annunciata commissione capitolina sulle candidature, ma anche dopo la designazione di Francesco Schittulli, avvenuta al telefono con l’ex Cavaliere e a stretto giro dall’ultimatum allo stesso Fitto. L’oncologo gravinese, non a caso, continua a giocare da pontiere e prova a tenere tutto insieme, esorcizzando il rischio di finire stritolato dalla guerra azzurra: “Raffaele è un politico leale e coerente, ma soprattutto di centrodestra e le sue vicende nazionali non avranno ripercussioni in Puglia”, ribadiva ancora in mattinata, dicendosi “certo che sosterrà la mia candidatura con convinzione”. “Così come sono convinto che, senza Fitto,  il centrodestra in Puglia non vince”, gli tributava il Presidente Lilt.

Difficile dire se basteranno le lusinghe a dissuadere dalle barricate il Vicerè di Maglie, il quale ha già spiegato alla stampa che non ci sarebbero neppure i “meccanismi tecnico – statutari” per metterlo alla porta. Peraltro, per un gioco di coincidenze, nel giorno dell’incoronazione, Schittulli aveva accanto a convegno un altro ex delfino illustre come Gianfranco Fini ma, ora, ci sono i bulloni della coalizione da stringere. Specie al centro, spaccato tra lo scudocrociato di Negro e Ruggieri – schierato a sinistra – e gli alfaniani di Cassano e Ferrarese, fermamente dall’altra parte della barricata. “Gli stessi amici dell’Udc qualche mese fa si presentavano come i pionieri e gli avanguardisti della fusione tra Ncd e Udc”, manda a dire il consigliere regionale Andrea Caroppo – citando lo strappo alle elezioni provinciali leccesi con liste contrapposte - “mi aspettavo che, coerentemente con quel calore, dimostrassero con i fatti l’attaccamento a questo progetto, entrando nella coalizione dei moderati e sostenendo la candidatura di Schittulli. Evidentemente mi sbagliavo, a loro interessa solo restare con Vendola come per tutti questi anni”. “Gli elettori capiranno”, taglia corto Caroppo. E valuteranno vizi e virtù, dell’una e dell’altra parte.

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
fittofilisteoltreregionalischittullipuglia
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.