A- A+
PugliaItalia
Schittulli: "La Sanità di Vendola, la peggiore in 10 anni"

"Quanto emerso dalle parole del Ministro Beatrice Lorenzin sulla situazione sanitaria in Puglia è, per me, davvero mortificante. In primis da cittadino, ma anche da medico. La Lorenzin ha perfettamente ragione avendo avuto nei confronti della Regione Puglia un più che disponibile benevolo atteggiamento. Si tratta di un’autentica vergogna che ancora una volta ricade sui pugliesi per  una scellerata gestione della sanità ad opera del governo Vendola, a maggioranza PD e che riporta la Puglia tristemente agli "onori"della cronaca.  Di fatto, però, tale deficitaria gestione è ben nota non soltanto tra gli addetti ai lavori, medici e operatori socio-sanitari, ma soprattutto ai cittadini, su cui si abbatte quotidianamente l’inefficienza di un sistema al collasso" Lo dichiara in nota diffusa sul suo blog, Francesco Schittulli, in corsa quasi certa per il centrodestra per la presidenza della Regione Puglia.

"Un sistema in default, caratterizzato da spreco di denaro pubblico - aggiunge l'ex presidente della Provincia di Bari - dal faticoso smaltimento delle lunghe liste d’attesa, da una burocrazia farraginosa, dalla scarsa disponibilità di assistenza verso l’ammalato (basti pensare all’acceleratore lineare dell’Oncologico di Bari o al caso di Angela che, malata di tumore al cervello e incinta, fu costretta ad esser curata in Grecia per le  mancate autorizzazioni da parte della regione Puglia ad utilizzare il “Cyber Knife”, sistema robotizzato di radiochirurgia, in dotazione alla Mater dei Hospital di Bari, ed è tornata a vivere con suo figlio in Campania.)"

vendola schittulli
 

"Ora, il governatore Vendola sostiene di «aver dovuto fare la guerra alla maggioranza» per il dimezzamento della Asl - prosegue Schittulli - e “sfida” il PD (di cui segretario regionale è Michele Emiliano dal 2007 e non certamente, come lui sostiene, da un anno) a produrre proposte che portino risparmi. Ma il governatore Vendola può non considerare che la carente gestione del sistema sanitario pugliese è da imputarsi a logiche interne di spartizione politico-partitiche delle poltrone che ha portato, per esempio, all’alternarsi di ben 5 assessori alla sanità del Partito Democratico in sei anni? E cosa mai potrà cambiare l’aspirante successore di Vendola, Michele Emiliano, che da segretario regionale pluriennale del PD ha contribuito quindi attivamente a far precipitare nel baratro il nostro sistema sanitario, precipitando sanitariamente anche la città capoluogo di regione che lui ha governato per 10 anni?"

"La Puglia fanalino di coda nella sanità: questo l’unico dato certo, nonostante le eccellenze e il senso di abnegazione da parte degli operatori socio-sanitari, mortificati dallo scempio di una soffocante demagogia partitica a danno esclusivo del cittadino. Ben altro rispetto a quanto decantato, fino ad oggi, e alle poetiche promesse di un sistema sanitario efficiente, per una Puglia migliore!".

--------------------------

Pubblicato sul tema: Vendola e Lorenzin: 'Riqualificare la Sanità'

Iscriviti alla newsletter
Tags:
schittullivendolalorenzinsanitàpuglia
i blog di affari
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.