A- A+
PugliaItalia
Stefàno: "Alla Puglia non serve un Sindaco"

Dario Stefàno, in corsa alle prossime Primarie del centrosinistra pugliese - per la scelta del candidato alla Presidenza della Regione Puglia - diffonde una nota in merito ai temi relativi ai nuovi assetti governativi regionali, alla partecipazione e al coinvolgimento degli elettori.

“Finalmente si comincia a parlare di contenuti - sottolinea Stefàno -  e questo ci consente di valutare le proposte nella loro vera essenza. Quello che leggo nelle ultime ore, però, mi continua a sembrare demagogia". 

"Perché se, al contrario, volessimo davvero concentrarci sulle cose concrete dovremmo  parlare d'altro. Partendo si dallo Statuto, ma con l'obiettivo di organizzare ancora meglio la macchina burocratica. Iniziando, ad esempio, col riprendere in mano, per dare definitiva e completa attuazione, agli articoli 45 e 46 del nostro Statuto regionale che prevedono il Consiglio delle autonomie locali e la Conferenza regionale permanente per la programmazione economica sociale territoriale. È quello il terreno del dialogo con gli enti locali e gli attori sociali. È quello il luogo della partecipazione e del coinvolgimento. E non la presidenza itinerante, che è una proposta demagogica e completamente fuori dalla realtà, che forse vuole nascondere uno sguardo concentrato solo sulle più grandi realtà".

Stefàno Ba
 

"In una stagione di doverosa revisione dei meccanismi di spesa, infatti, bisognerebbe chiedersi semmai come rivisitare forme e funzioni delle sedi periferiche nei capoluoghi di provincia. Non per eliminarle ma per renderle più funzionali. Perché Il futuro dovrà vederci certamente al lavoro per rendere ancora più efficiente la macchina amministrativa".  

"Quella che immagino io - continua Stefàno - è una battaglia alla burocrazia - zavorra per la competitività delle imprese, ma anche ostacolo alle istanze dei cittadini. Un lotta alla burocrazia e non ai burocrati che, per me, sono pezzi importanti del sistema, sui quali investire in formazione continua. Solo così riusciremo a superare un clima di conflitto permanente tra burocrazia, imprese e mondo del lavoro. E la politica deve assumersi la responsabilità di individuare gli strumenti affinché la burocrazia non sia più un ostacolo". 

"L’idea del “sindaco di Puglia” e di una presidenza itinerante è la suggestione di un governo che si specchia nella personalità un po’ vanesia dell'aspirante presidente. A meno che dietro quella proposta si nasconde altro. Forse la volontà di sottrarre funzioni e ruolo anche ai sindaci delle città?2

"No, questo approccio non mi convince", chiosa Stefàno. "Preferisco continuare a lavorare sull’idea di un’amministrazione in ancora maggiore sintonia con gli organismi intermedi, che legifera nell'interesse dell’intera comunità, che valorizza la funzione dei sindaci, che tiene insieme, in un unicum intelligente, le diverse specificità territoriali, che le integri in un sistema regionale autorevole".

"Senza retorica. Né approcci demagogici”.

Tags:
pugliaprimariesindacostefànoemiliano
Loading...
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
Boschiero Cinzia
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.