A- A+
PugliaItalia
Sbano

Il male dell’esistenza e le sue immagini speculari, autori come Moravia e Montale ne scrissero lungamente. Eppure, ancora oggi, il palcoscenico del vivere quotidiano spesso, tragicamente spesso, è ben oltre più drammatico della finzione. Una donna di 32 anni, Franca Sbano, si è gettata nel vuoto da uno dei palazzi di via Claudio Monteverdi, in una zona periferica di Carovigno.

A scioccare i vicini nell’appartamento della donna, ed in seguito gli investigatori, la tragica scoperta del corpo privo di vita della figlia di tre anni, Benedetta, della donna. Nulla da fare per la piccolina, morta durante il tragitto in ospedale, e per la giovane madre, spentasi dopo un intervento chirurgico nel reparto di Neurochirurgia dell’ospedale di Ostuni.

Stando a quanto attestato dai carabinieri, seguiti dal capitano Ferruccio Nardacci, e dai militari del nucleo investigativo del comando provinciale di Brindisi, coordinati dal capitano Mariano Giordano, il dramma si sarebbe consumato alle 21.30 circa del primo aprile. La donna, in preda alla disperazione da settimane per la separazione dal marito - secondo quanto dichiarato dai vicini -, avrebbe prima avvelenato la bambina con del diserbante, per poi togliersi la vita.

Quattro le lettere scritte a mano dalla donna, per spiegare le ragioni del gesto, ma nessun segnale colto nei giorni precedenti dal padre della bambina ed ex marito di Franca.

Ultime parole sulla tragedia, quelle del pm Pierpapolo Montinaro: gli organi della donna potranno essere espiantati e donati. Carovigno intanto si stringe, nell’incredulità e nel dolore, ai familiari della piccola Benedetta e della mamma, Franca.

Tags:
benedettacarovignofranca sbanodiserbantemorte
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.