A- A+
Roma
"Ecco chi uccide il Teatro dell'Opera". J'accuse di Vespa: "Perdite nascoste"

"Degli illustri voltagabbana dell’Opera di Roma mi occuperò nel mio prossimo libro". E' roboante il "Jaccuse" di Bruno Vespa, già vicepresidente del Teatro ora al centro di un vero e proprio vortice di numeri e accuse reciproche tra i responsabili dei conti del Costanzi.

"Finora mi sono astenuto rigorosamente dal commentare le vicende dell’Opera di Roma per un doveroso fairplay. Ma non posso accettare che il segretario della Uil Lazio, forse per un difetto di informazione, mi chiami in causa per il dissesto del teatro di cui sono stato vice presidente dal 2010 all’autunno dell’anno scorso - dichiara il conduttore Rai Bruno Vespa - Mi permetto di ricordare che la passata gestione, pur non ripianando i debiti di quelle precedenti, ha chiuso per la prima volta in pareggio i bilanci (certificati) del 2010, 2011 e 2012".

"Fino al settembre del 2013, quando presentammo l’ultima stagione - continua Vespa - il soprintendente e il direttore generale assicurarono al consiglio d’amministrazione e al collegio dei revisori che anche il quarto anno sarebbe stato chiuso in pareggio, tacendoci che nel corso dell’anno erano già state accumulate perdite comunque inferiori a quelle finali, dovute a un drastico taglio dei contributi locali e degli sponsor romani che – ieri come oggi – dovrebbero semplicemente vergognarsi. E questa omissione, come ho detto all’ex sovrintendente, è molto grave. Perciò, a ciascuno il suo".

Tags:
teatro dell'operabruno vespa



Twiga mania: Briatore apre a Roma la spiaggia dei vip, dopo Crazy Pizza

Twiga mania: Briatore apre a Roma la spiaggia dei vip, dopo Crazy Pizza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.