A- A+
Roma

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Velletri, nei confronti di Manlio Soldani di 41 anni e Simone Cuomo di 40 anni, residenti rispettivamente ad Ardea e Ostia, ritenuti responsabili in concorso con ignoti, di una rapina commessa il 12 settembre 2012, ai danni della agenzia della Banca Monte Paschi di Siena a Marino. Il Soldani, in effetti, non come esecutore materiale ma per aver fornito informazioni utili per il compimento della rapina.

Manlio Soldani, già guardia particolare giurata in servizio presso la Coop Service, è stato condannato alla pena dell’ergastolo dalla Corte di Assise di Roma, in quanto responsabile della rapina, omicidio e tentato omicidio, occorsi il 15 ottobre 2012, presso il supermercato Todis di via dei Carafa, nel corso della quale è rimasta uccisa, a seguito dei colpi d’arma da fuoco esplosi dal Soldani, una delle tre guardie giurate di scorta al furgone portavalori della medesima società Coop service per cui lavorava il citato Soldani.

L’attuale misura cautelare si basa sugli elementi raccolti dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, a margine delle indagini svolte sulla citata rapina al furgone portavalori di via dei Carafa, nel corso delle quali il Cuomo, titolare del bar ubicato di fronte all’agenzia della Banca Monte Paschi di Siena Monte di Ostia, dove il Soldani lavorava, si era evidenziato quale soggetto a cui il Soldani forniva preziose informazioni riservate, utili per il compimento di colpi presso agenzie di istituti di credito ricevendo in compenso parte del bottino.

Nella prima mattina del 12 settembre 2012, tre uomini, di cui due armati di pistola e taglierino, entrarono nei locali dell’agenzia della Banca Monte Paschi di Siena, di corso Trieste a Marino (Rm) e, dopo aver sottratto la pistola in dotazione alla guardia giurata in servizio si impossessarono del contenuto di una cassetta metallica, appena prelevata dal caveau, contenente 42.000 euro. Prima di andare via dall’istituto di credito, i rapinatori, per garantirsi la fuga, rinchiusero i presenti, nella toilette e nel caveau dell’agenzia. Dopo aver consumato il reato, i tre rapinatori si allontanarono a bordo di un veicolo che li attendeva in una via limitrofa, presumibilmente con a bordo un quarto complice.

Tags:
guardia giurata infedelerapina
Loading...




Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
Eriksen, la svolta del calcio: da spettacolo del business a lezione di umanità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.