A- A+
Roma

Per una volta sono tutti d'accordo nel bocciare la proposta di far diventare a pagamento il tratto urbano dell’autostrada A24. L'annuncio dell'ingegnere Igino Lai, direttore generale di Autostrade dei Parchi ha scatenato le reazioni degli opposti partiti politci, che pur rimpallandosi le responsabilità sono concordi nell'opporsi a far mettere ai romani mano al portafogli per percorrere i 15 chilometri che separano il cimitero del Verano da Lunghezza.
Nelle intenzioni della società che gestisce l'autostrada, terminati i lavori in corso per complanari e terza corsia, si procederà ad installare un sistema elettronico che consentirà di rilevare le targhe dei veicoli e inviare ogni mese a casa degli interessati la fattura con il conto del pedaggio.

"È già una vergogna che per uscire dal Gra sulla A24 a Settecamini, Ponte di Nona e Lunghezza, i romani debbano pagare un pedaggio - commenta Alessandro Onorato, capigruppo della Lista Marchini in Assemblea capitolina - Sarebbe un precedente inaccettabile, e un ulteriore danno per quei quadranti che già soffrono la carenza dei servizi e delle infrastrutture, rendere a pagamento anche il tratto interno al Gra della Roma-L'Aquila. Invitiamo quindi il Sindaco Marino ad opporsi con fermezza a questa ipotesi, e già da adesso siamo pronti a fare una battaglia per evitare l'ennesima mazzata per i cittadini romani".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
a24pedaggioproteste



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.