I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Condono cartelle: primi chiarimenti del decreto sostegni ma qualcosa non torna
da sx gli Avv.ti M. Sances e S. Donadei

Gli avvocati di Camera Civile Salentina chiariscono la norma che prevede la cancellazione delle cartelle esattoriali e segnalano “Non basta stralciare le cartelle fino al 2010. I contributi INPS più vecchi di 5 anni sono prescritti e vanno sgravati per Legge come anche le cartelle annullate a seguito di istanze legge228/2012”.

A poche ore dall’uscita del Decreto Sostegni (DL n.41 del 22.03.2021) giungono da più parti varie critiche.

Al riguardo, si segnalano le dichiarazioni del Presidente di Camera Civile Salentina e Coordinatore Regionale delle Camere Civili di Puglia aderenti all’UNCC, l’Avv. Salvatore Donadei, il quale fa sapere che “Riteniamo che lo sgravio degli atti esattoriali previsto dal decreto non vada bene e debba essere modificato. Non entro nel merito di una misura come quella del condono (ovvero se sia giusto o meno la cancellazione dei debiti erariali  e se sia rispettosa nei confronti di chi ha sempre pagato) ma ciò che ci preme evidenziare è quanto sia ingiusto mantenere in piedi cartelle esattoriali ormai prescritte o annullate a seguito di istanze ai sensi della legge 228/2012 e quindi non più esigibili. In questo modo rischieremo che quando ripartirà la riscossione chi avrà la possibilità economica di agire legalmente le potrà far annullare mentre gli altri subiranno l’azione dello Stato”.

Continua l’Avv. Donadei “Da mesi, grazie al lavoro della nostra associazione e in particolare grazie al nostro associato l’Avv. Matteo Sances, stiamo segnalando come la Suprema Corte con sentenza n.23367/2016 abbia ormai chiarito non solo la prescrizione quinquennale dei contributi Inps ma anche il fatto che una volta prescritti non possano essere più pagati dai contribuenti. Lo stesso dicasi per quegli atti esattoriali a cui i contribuenti hanno proposto istanza Legge228 senza aver ottenuto risposta dagli enti e dunque annullati di diritto. Ebbene, nonostante queste pretese siano palesemente non dovute il concessionario continua a pretenderle. Nelle settimane scorse abbiamo realizzato un convegno in collaborazione con vari Ordini di Avvocati e Commercialisti da tutta Italia per segnalare questo problema e scrivendo anche al Ministro dell’Economia e delle Finanze (si veda link dell’evento: http://www.unionenazionalecamerecivili.it/lamministrazione-non-risponde-il-debito-si-annulla-per-silenzioassenso/ )”.

Infine, interviene anche l’Avv. Matteo Sances, il quale dichiara “Concordo con quanto rilevato dal Presidente di Camera Civile Salentina e per questo motivo chiederemo al Parlamento di modificare il decreto includendo anche tali le pretese.

Nel frattempo, ritengo sia utile evidenziare almeno i tratti più importanti di questa norma. Ebbene, l’art. 4 comma 4 del DL 41/2021 prevede che i debiti verso l’agente della riscossione (ex Equitalia per intenderci) non superiori a 5.000 euro (affidati dal giorno 1.01.2000 al 31.12.2010) sono azzerati se il debitore nell’anno 2019 aveva un reddito imponibile non superiore a 30.000 euro. Ai fini del calcolo del singolo debito occorre considerare solo il tributo, gli interessi per ritardata iscrizione al ruolo e le sanzioni. Gli interessi di mora come anche le somme a titolo di aggio sono escluse e quindi è possibile che, soprattutto per i debiti più vecchi, potranno rientrare nell’annullamento anche cartelle superiori a 5.000 euro

Si segnala, poi, che alcune pretese sono escluse dalla cancellazione, ossia:

  1.     Recupero aiuti di Stato;
  2.     Somme richieste a seguito di sentenza della Corte dei Conti;
  3.     Sanzioni a carattere penale;
  4.     Somme riguardanti iva all’importazione e altre risorse della Ue.

Ultime due cose importanti da considerare:

a) l’annullamento non riguarda i tributi locali riscossi attraverso l’ingiunzione fiscale;

b) la cancellazione delle pretese può riguardare anche le cartelle incluse nei precedenti condoni di RottamazioneTer e Saldo e Stralcio anche se non vengono specificate le modalità operative. Anche per questo insieme a Camera Civile Salentina chiederemo spiegazioni al Governo”.

Ringraziamo dunque gli Avvocati di Camera Civile Salentina per questi importanti chiarimenti. 

Commenti
    Tags:
    #decretosostegni #condonocartelle #covid19 #avvsances #avvdonadei
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Mette l'insegna Autogrill e apre L'idea di un ristoratore siciliano

    A proposito di Covid...

    Mette l'insegna Autogrill e apre
    L'idea di un ristoratore siciliano

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento

    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico

    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.