I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Niente contributi per il datore che assume donne disoccupate
Dott. Tiziano De Salve

In linea con l’iniziativa “Professionisti a TUTELA delle donne”, promossa e coordinata dal Centro Studi Giuridici Sances, segnaliamo un’importante opportunità a vantaggio dei datori di lavoro che assumono donne disoccupate o prive di impiego.

La legge di bilancio 2021 – legge n.178/2021 – prevede un esonero totale dei contributi previdenziali e dei premi INAIL, fino ad un importo massimo di 6.000 euro annui, per tutti i datori di lavoro, siano essi imprese o professionisti, che assumono donne disoccupate o prive di impiego.

Tanto è stabilito dall’art. 1 commi da 16 a 19 della legge di bilancio 2021.

In realtà, non si tratta di una nuova agevolazione.

Infatti, si richiama espressamente la legge n. 92/2012 – c.d. “Legge Fornero” – che prevede già, a partire dal 2013, una riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro che assuma lavoratrici che si trovino nelle condizioni di cui all’art. 4 commi da 8 a 11 della stessa.

La novità apportata dalla legge di bilancio 2021 è il riconoscimento al datore di lavoro di un esonero totale, e quindi pari al 100%, dei contributi e premi INAIL dovuti, per le assunzioni di cui all’art. 4 commi da 9 a 11 della Legge Fornero, effettuate nel biennio 2021-2022.

Pertanto, il datore di lavoro potrà beneficiarne nelle ipotesi di assunzione con contratto a tempo indeterminato stipulato dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 e in caso di trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato intervenute nello stesso periodo.

La legge di bilancio 2021 non richiama, invece, il comma 8 dell’art. 4 della Legge Fornero, ovvero le ipotesi di assunzioni con contratto a tempo determinato, per la quali il datore di lavoro potrà comunque beneficiare della già prevista riduzione del 50% sul carico contributivo.

Le destinatarie della presente agevolazione sono appunto le donne disoccupate o prive di impiego.

 

Dott. Tiziano De Salve

www.centrostudisances.it

Commenti
    Tags:
    #lavorofemminile #nientecontributi #disoccupata #donne
    in evidenza
    Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

    Ucraina

    Imprese colpite dalla guerra
    SIMEST lancia una campagna aiuti

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    RenauBility: al via l’open innovation di Renault Italia

    RenauBility: al via l’open innovation di Renault Italia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.