I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
PIN e UNILAVORO PMI: "La riforma cambi il Garante del Contribuente"
da sx: Dott. A. Sorrento e Dott. V.Frijia

Partite Iva Nazionali e UnilavoroPMI segnalano le recenti sentenze che hanno annullato oltre 20 MILIONI di euro di tributi illegittimi e chiedono al Governo di porre rimedio con la prossima riforma fiscale.

Le associazioni denunciano la mancanza di dialogo Fisco/contribuente e chiedono di trasformare il Garante del Contribuente in un  Authority autonoma e indipendente che possa finalmente tutelare i diritti di cittadini e imprese.  

A seguito dell’incontro tenutosi a Roma nei giorni scorsi, le associazioni Partite Iva Nazionali (PIN) e Unilavoro PMI hanno voluto segnalare ai media le recenti sentenze a sostegno dei contribuenti e informare sulle loro proposte in merito alla prossima riforma fiscale.

In particolare, fa sapere il Presidente di PIN, Dott. Antonio Sorrento che “La mancanza di dialogo tra Fisco e contribuente è un problema che stiamo denunciando ormai da anni. In questi giorni abbiamo segnalato insieme a Unilavoro PMI  la recente sentenza n.2794/22 della Corte di Giustizia Tributaria di 2° grado della Puglia che ha annullato una pretesa fiscale da oltre 8 MILIONI di euro perché i tributi erano stati chiesti illegittimamente” (si veda sentenza su www.partiteivanazionali.it  ).

In particolare, chiarisce il Dott. Sorrento “I Giudici di Lecce hanno cancellato un’intimazione fiscale da oltre 8 MILIONI di euro perché inviata alla contribuente sbagliata. Le pretese avanzate da Agenzia Riscossione riguardavano, infatti, sanzioni Iva irrogate a una società di cui la contribuente veniva ritenuta erroneamente coobbligata. Dobbiamo segnalare ancora una volta, purtroppo, la difficoltà dei contribuenti a dialogare con il Fisco, anche in casi come questo dove l’errore era evidenteSe ci fosse stato un minimo di disponibilità dagli enti si sarebbe potuta evitare una dura battaglia legale. La contribuente, difesa in giudizio dall’Avv. Matteo Sances e con il supporto di tutta l’associazione, ha dovuto dunque affrontare oltre due anni di causa per ottenere giustizia e far accertare ciò che era chiaro fin dall’inizio, ossia che le pretese riguardavano altri soggetti”.

Tutto ciò purtroppo non è un caso isolato” sottolinea il Segretario Generale di Unilavoro PMI, il Dott. Vito Frijia “Facciamo presente che solo qualche mese fa segnalavamo insieme a PIN la sentenza del Tribunale di Bari n.3401/2019 che aveva annullato una cartella <<>> da oltre 13 MILIONI di euro (anche questa sentenza è visibile su www.partiteivanazionali.it).

Ecco perché  nei giorni scorsi abbiamo segnalato al Governo le nostre proposte sulla riforma fiscale proprio per intervenire su una maggiore tutela dei diritti del contribuente e in particolare sul Garante del Contribuente. A nostro avviso il Garante del Contribuente deve avere l’autonomia e i poteri tipici di una moderna Authority in modo da tutelare i diritti dei cittadini e delle imprese oneste del nostro Paese.  Siamo profondamente convinti che se da una parte le tasse debbano essere pagate dall’altra il contribuente debba vedere riconosciuti i propri diritti attraverso la supervisione di un Garante finalmente a tutela di cittadini e imprese in caso di errori e/o vessazioni da parte degli enti ”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
#unilavoro #antoniosorrentopin #matteosances #riformacartabia #riforma #garantecontribuente





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.