Pillole d'Europa

di Cinzia Boschiero

I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Pillole d'Europa
LIBERTA’ DI STAMPA, EUINMYREGION, HUB VACCINI, AIUTI AI CINEMA
#EUinMyRegion Media Trips - delegazione di giornalisti europei

PER STARE MEGLIO COME CITTADINI  EUROPEI  E  CONOSCERE DIRITTI E TUTTE LE OPPORTUNITA' UTILI

 In questa rubrica notizie flash sulle normative europee e internazionali, notizie internazionali ed europee utili e pratiche per la vita di tutti i giorni. E’ attivo  un servizio di “A domanda, risposta” su bandi, agevolazioni, finanziamenti europei , borse di studio e di ricerca nazionali, regionali e locali per i lettori di Affaritaliani. Per richieste di informazioni sui bandi scrivete a cinziaboschiero@gmail.com – oppure alla  e-mail: dialogoconleuropa@gmail.com

Domanda:  c’è la crisi dei media e ci sono troppe fake news, ci sono delle iniziative per mantenere viva la corretta informazione soprattutto su temi europei? Romina Manteca
Risposta:
sì. C’è ad esempio il programma #EUinMyRegion Media Trips, organizzato dalla Direzione generale Regio della Commissione europea, aperto a tutti i giornalisti locali e regionali dei 27 Stati dell’Unione europea, che prevede sessioni di formazione online e una visita di studio a Bruxelles con incontri mirati con funzionari comunitari per approfondire meglio come funzionano le  istituzioni dell'Unione Europea, per visitare le loro strutture e conoscere in modo adeguato le procedure comunitarie e in particolare l'impatto della politica di coesione sulle regioni e sui  cittadini, dalla transizione verde e digitale alla resilienza sociale e su come l'Unione Europea gestisce e controlla il suo bilancio. Di recente dal 25 al 28 giugno una delegazione di giornalisti italiani, spagnoli, rumeni, greci, e di altre nazionalità hanno potuto visitare la sede del Parlamento  europeo, della Commissione europea, del Comitato europeo delle regioni a Bruxelles e hanno incontrato esperti e funzionari di varie direzioni generali della Commissione europea e di Olaf, hanno potuto approfondire quali sono i database comunitari, incontrare funzionari di Eurostat. In particolare Karolina Kottova, Direttrice della Unità Comunicazione, DG Regio; Marijn Duijvestein, policy officer della DG Connect; Pierluigi Boda, Ufficio stampa del Comitato europeo delle Regioni; Teodora Brandmueller, deputy Head of Unit di Eurostat; il dott. Gianfranco Piras, coordinatore del team antifrodi che ha spiegato come  Olaf sia un ente amministrativo e non sanzionatorio e come si raccordi con EPPO (European Public Prosecutor’s Office) che opera dal giugno 2021.  Inoltre il 6 maggio 2024 è iniziata l'applicazione di nuove norme contro le azioni legali strategiche tese a bloccare la partecipazione pubblica (SLAPP), fornendo ai giornalisti e ai difensori dei diritti umani strumenti per contrastare i procedimenti giudiziari abusivi. Il 7 maggio 2024 è entrato in vigore il regolamento europeo sulla libertà dei media che sostiene l'indipendenza editoriale e il pluralismo dei media, rafforza la trasparenza e l'equità e promuove una migliore cooperazione delle autorità dei media attraverso un nuovo comitato europeo per i servizi di media.  Ci sono diversi bandi, borse di studio, e vari strumenti a favore dei media, e ddei professionisti dell'informazione, come alcuni bandi del programma Europa Creativa-Media; c'è lo strumento MediaInvest, e dal 2020 un “piano d'azione europeo per sostenere la ripresa e la trasformazione dei media”. Fino all’8 luglio 2024 è possibile presentare candidature per partecipare a “Youth4Regions”, il programma di formazione per studenti di giornalismo e giovani giornalisti, promosso dalla DG Regio della Commissione europea e giunto quest’anno all’8a edizione. Possono candidarsi i giovani tra i 18 e i 30 anni che dimostrino interesse per le realizzazioni dell’UE e della sua politica di coesione. Si segnala poi che il via libera definitivo è stato dato dal Parlamento europeo, mercoledì 13 marzo 2024, al Media Freedom Act, la legge europea per la libertà dei media pensata per proteggere i giornalisti e i media dell'Unione europea da ingerenze politiche o economiche. Il nuovo regolamento, approvato con 464 voti favorevoli, 92 voti contrari e 65 astensioni, obbliga gli Stati membri a proteggere l'indipendenza dei media e vieterà qualsiasi forma di ingerenza nelle decisioni editoriali. Il testo prevede anche forti limitazioni all'uso degli spyware, che rimarrà però consentito soltanto caso per caso e previa autorizzazione di un'autorità giudiziaria nell'ambito di indagini su reati gravi. La Commissione europea ha pure pubblicato un nuovo bando, aperto sino al 2 agosto,  inerente il Sistema di monitoraggio della proprietà dei media. Il Sistema di monitoraggio della proprietà dei media è una delle misure annunciate nel Piano d'azione UE per la democrazia europea per contribuire a promuovere e salvaguardare la libertà e il pluralismo dei media. Viene cofinanziata una banca dati, accessibile al pubblico, contenente informazioni sulla proprietà dei media e che  fornisca una valutazione sistematica dei relativi quadri giuridici e dei rischi per la trasparenza della proprietà dei media europei.


Domanda:  si riparla di vaccini, ma cos’è l’hub europeo dei vaccini? Marinella Sartiramo
Risposta:
c’è un bando aperto del programma comunitario EU4HEALTH per la creazione di un hub europeo per lo sviluppo dei vaccini. Si cofinanzia la creazione di un polo europeo per lo sviluppo di vaccini rilevanti per la salute pubblica, che combini l'eccellenza nello sviluppo di vaccini con le prove cliniche e le attività di produzione in scala. Possono aderire al bando consorzi di sviluppatori di vaccini che coprano l'esperienza nello sviluppo, comprese organizzazioni finanziate con fondi pubblici e industriali. L'hub dovrebbe stabilire collegamenti con il futuro partenariato europeo sulla preparazione alle pandemie finanziato dal programma Horizon Europe e con i produttori privati, anche attraverso accordi di produzione specifici. Il bando ha un importo di 102 milioni di euro.


Domanda: sono il proprietario di un piccolo cinema e il nostro settore è in crisi, ci sono fondi europei per noi? Erminio Sacarpa
Risposta:
sì. Ci sono fondi per la ristrutturazione e l’innovazione nel settore dei cinema e ci sono due bandi aperti ad esempio, uno con scadenza il 16 luglio a sostegno di network di cinema europei, di cui possono beneficiare le sale cinematografiche ed ha un importo totale di 15 milioni di euro; ed è aperto sino al 18 luglio un altro bando europeo denominato Films on the Move di cui possono beneficiare gli agenti di vendita cinematografici europei e che ha uno stanziamento totale di sedici milioni di euro.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.