Advertisement
A- A+
Welfare e Salute
Anaffettività e dipendenza da affetto: due facce della stessa medaglia
Oggi parliamo di....
Cosa è l’anaffettività? E cosa la dipendenza da affetto? “ E lo facciamo con una esperta quale è la D.ssa Sabrina Ulivi, del centro Clinico Ulivi di Pistoia.
“In un certo senso potremmo dire essere due diverse facce della medesima medaglia.” afferma Ulivi. “L’anaffettivo è colui che è incapace di “produrre” affetti mentre il dipendente affettivo è incapace di “vivere” senza un oggetto d’amore sul quale basare la sua intera esistenza. Sono entrambi comportamenti estremi, ma nel primo caso c’è l’incapacità di provare emozioni e/o, l’incapacità di avere accesso alle emozioni, che non riesce a far emergere più per paura di restare feriti che per effettiva assenza di sentimenti.”
In ambito della Psicologia, si legge, questo non appare come una sindrome ma proprio come una causa. Cioè, qualcosa che proviene da altro vissuto.
“Non è affatto una patologia. E’, appunto, una conseguenza di un vissuto, magari antico. Sarebbe importante per chi ne ritiene la necessità. capire l’insorgenza di questo atteggiamento, proprio per maggiore consapevolezza e comprensione, con un lavoro paziente su se stessi, sul proprio vissuto passato, sui personali apprendimenti emotivi e sentimentali. Per questo è consigliabile intraprendere un percorso di psicoterapia, per entrambi i casi, perché anche se può esser difficile da credere, l’anaffettivo e il dipendente affettivo possono aver condiviso un vissuto simile ma con una evoluzione emotiva che può contrapporsi in termini di reattività e passività. Nei casi che ho conosciuto ad oggi – aggiunge Ulivi- si tratta per lo più di soggetti che hanno alle spalle particolari situazioni traumatiche, di abbandono, di sensazioni di non amore che hanno poi generato dipendenza affettiva o comportamento di anaffettività. Il “dipendente affettivo” subisce passivamente l’atteggiamento e la paura dell’abbandono innescata in primis dalla figura di accudimento. È da qui che nasce il timore di essere sbagliato e non meritevole d’amore e vive nella costante paura di essere abbandonato, e nuovamente non riconosciuto anche da tutti. E’ questo timore che lo mette anche nella situazione di accettare (inoltre) relazioni più tossiche, di legarsi ad un narcisista o proprio a un anaffettivo stesso; questo, però, alimenta l’ancestrale sua credenza di non valere nulla. Di contro, pure l’anaffettivo ha in sè la paura dell’abbandono, ma ha messo in atto meccanismi diversi di difesa.
L’anaffettivo mette in gioco quello che viene definito un totale “ripiegamento emotivo”. Per non soffrire, si chiude, si organizza attraverso il distacco emotivo difensivo. Ovviamente tutto avviene a livello implicito (ovvero non cosciente). E’ una modalità di difesa che presuppone il negare, e negarsi, coinvolgimenti emotivi “perchè questi fanno soffrire”.
Possiamo quindi descriverle come le facce opposte della stessa medaglia perché sia l’anaffettivo che il dipendente affettivo falliscono nella regolazione delle emozioni e, in entrambi i casi, manca un profondo e intimo incontro con l’altro?
Non solo con l’altro, ma, e soprattutto, con se stessi.
Anche se non è facile da comprendere, è bene sapere che in entrambe le circostanze di vita ci troviamo di fronte a soggetti che possono condividere vissuti simili con evoluzioni affettive diverse.
La base comune è legata alla sofferenza di separazioni non riparative. Per evolvere dobbiamo separarci da chi si prende cura di noi, ma se questa separazione, in età precoce, non contempla un sentimento di sicurezza che deve nascere prima della rottura, il dolore e la paura prenderanno il sopravvento sulla speranza di un incontro ripartivo legato ad una affettività che continuamente si ripete.
Commenti
    Tags:
    anaffettivitàdipendenza affettiva
    Loading...
    in evidenza
    Clizia Incorvaia va fuori di seno Asia Valente, caos rivelazione

    Grande Fratello Vip news-foto

    Clizia Incorvaia va fuori di seno
    Asia Valente, caos rivelazione

    i più visti
    in vetrina
    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip

    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz protagonista al Salone di Ginevra 2020

    Mercedes-Benz protagonista al Salone di Ginevra 2020


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.