I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Welfare salute e comunicazione
Scuola e coronavirus, il protocollo del governo è sbagliato e non funziona

A scuola, ai tempi del Covidfollia.

Silvia ha 6 anni, è al suo primo ingresso a scuola. Frequenta una scuola internazionale, ed è entrata due settimane fa.

Il primo anno, un momento magico, emozionante, anche difficile da sempre, perché prevede crescita e distacco dalle affettività.

Silvia è seduta al suo banco, distante dai suoi compagni e compagne di classe. Sono passati pochi giorni dal suono della campanella, in un momento storico molto complicato.

Silvia tossisce.

La classe si ferma.

Il silenzio intorno si fa spettrale.

Silvia, da protocollo, viene isolata.

Viene chiusa in una stanza dedicata in attesa della famiglia che venga a prenderla.

In “quella” scuola c’è una infermiera dedicata.

Ma Silvia è impaurita. Si chiede cosa abbia fatto di così terribile, tanto da venir guardata come aliena.

Silvia ha 6 anni. Non 15.

Non capisce, seppur le hanno ben spiegato cosa potrebbe succedere e le misure in seguito.

Ma Silvia è ancora piccola per avere così tanta maturità da concepire che ciò sia giusto per tutti.

Lei si sente male.

Piange. Vuole la sua mamma.

La mamma lavora, non può correre subito perché in azienda, seppur comprendano la situazione, devono seguire un iter preciso.

Riesce ad arrivare solo dopo due ore.

Lunghe come un anno, quelle sue ore.

Trova la figlia in stato di disperazione:

“ Sono malata. Morirò. Lo so. “

Le dice.

“No, Silvia, non morirai.”

Le risponde.

“Adesso faremo gli accertamenti dovuti, e tornerai a scuola.”

Occhi gonfi e mal di pancia dalla paura.

È Venerdì. Per lunedì servirà certificato di buona salute. Nessuno glielo fa.

Nessuno si prende la responsabilità senza tampone, di scrivere che Silvia sta bene.

Fa il tampone. Dopo giorni perché non c’è posto.

È negativo.

Il medico chiede perché fare un tampone per un po’ di tosse.

Silvia può tornare a scuola.

Ha perso solo una settimana.

Solo. Menomale.

E la mamma a casa, perché non ha nessuno che possa stare con lei.

Immaginate cosa potrà accadere ogni mese, per ogni classe, in tutta italia, appena farà più freddo.

I bambini si raffreddano, tossiscono, e si ammalano, due tre volte al mese, minimo.

Grazie Governo.

Follia.

Dovete andare tutti a casa.

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    scuolacoronavirusscuola sintomi coronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Anime? Non solo cartoni animati Ponte culturale Giappone-Italia

    Esteri

    Anime? Non solo cartoni animati
    Ponte culturale Giappone-Italia

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, estate addio. Arriva la piogge e perfino la prima neve. Crollo termico

    Meteo, estate addio. Arriva la piogge e perfino la prima neve. Crollo termico


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Suzuki nuova SWACE, la station wagon con tecnologia ibrida

    Suzuki nuova SWACE, la station wagon con tecnologia ibrida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.