A- A+
Il Sociale
Autismo, “solidarietà piccante. Un peperoncino per l’autismo”

Conoscere l’autismo e informare l’opinione pubblica sui disturbi dello spettro autistico che, pur essendo poco noti a causa della loro complessità, hanno un fortissimo impatto sulle famiglie dei malati e di conseguenza sull’intera società. Questo l’obiettivo della campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi promossa dall’associazione “Una breccia nel muro”, lanciata venerdì scorso a Roma, e intitolata “Solidarietà piccante. Un peperoncino per l’autismo”.

Arrivata alla sua terza edizione, la manifestazione si propone non solo di sensibilizzare sempre più persone sull’autismo, ma anche di raccogliere fondi per la causa attraverso la vendita di piantine di peperoncino in moltissime piazze italiane.

Ma che cosa è brevemente l’autismo? I disturbi dello spettro autistico sono disturbi del neuro-sviluppo, con esordio nei primi anni di vita, e sono caratterizzati da compromissioni qualitative delle interazioni sociali, della comunicazione e da un repertorio limitato, stereotipato, ripetitivo d’interessi e di attività.

Attualmente nel mondo sono oltre 50 milioni le persone affette da questa sindrome, circa una ogni 150. Ma, nonostante questa  grande diffusione, in Italia sono rare le iniziative a sostegno delle famiglie con bambini e ragazzi autistici.

Di qui l’idea dell’associazione “Una Breccia nel Muro”, che, in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, si propone di offrire, in modo integrato, un trattamento precoce e intensivo che coinvolge l’’intero nucleo familiare dei bambini affetti da autismo, un percorso innovativo e concreto apprezzato dalla comunità scientifica internazionale.

“La campagna intende sensibilizzare e informare l’opinione pubblica su una malattia poco conosciuta e molto diffusa che ha un impatto rilevante sulle famiglie. Una diagnosi precoce, anche prima dei 18 mesi di vita, e un trattamento immediato possono cambiare la vita di un bambino e recuperarlo a un vivere sociale dal quale sarebbe altrimenti escluso” ha detto Alberto Zuliani, presidente di Una breccia nel muro nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa.

“Per questo, insieme alle piante di peperoncino, distribuiamo in 400 città, un volantino che, attraverso fumetti, illustra i segnali più frequenti nei bambini autistici che consigliano di rivolgersi a uno specialista” ha continuato Zuliani.

“Grazie alle attività di associazioni come “Una breccia nel muro” che finalmente si accendono i riflettori sull’autismo che è la prima causa di invalidità al mondo in età infantile e che, come disturbo cronico, prevede trattamenti molto costosi” ha spiegato Stefano Vicari, primario di neuropsichiatra dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

“Questa sarà l’emergenza vera dei prossimi anni. Sono molti i trattamenti non basati sull’evidenza riconosciuti, purtroppo, dal Ssn, mentre quelli basati sull’evidenza scientifica non ricevono alcun sostegno, portando a uno sperpero delle risorse” ha precisato ancora Vicari.

Nel corso dell’incontro Marco Sabatini Scalmati, giornalista e padre di Matteo, un bambino autistico di 8 anni, ha portato la sua esperienza spiegando come spesso una diagnosi specifica su questo disturbo non avvenga nei primissimi anni di vita (per Matteo, per esempio, è arrivata dopo i 5 anni e mezzo), come invece dovrebbe essere.

Ma non solo. Anche da un punto di vista terapeutico, gli approcci suggeriti, ovvero la logopedia e la psicomotricità, non appaiono per nulla risolutivi nell’affrontare il disturbo, ha continuato Sabatini Scalmati. “Dopo aver sentito vari pareri abbiamo scelto la terapia ABA e il centro “Una breccia nel muro”. Il percorso iniziato con loro ha dato a Matteo da subito importanti miglioramenti e ormai siamo al terzo anno” ha aggiunto il papà di Matteo.

L'ABA, non ancora riconosciuta dal Servizio sanitario nazionale e quindi a totale carico delle famiglie dei malati, non è “di per sé” una “terapia per l'autismo”. Tuttavia molte applicazioni sono state sviluppate per favorire lo sviluppo cognitivo di bambini con disturbi di origine diversa, fra cui i bambini autistici, anche attraverso il trasferimento di conoscenze specialistiche a familiari o a persone in grado di aiutarli.

Anni di studi metodici e dettagliati hanno infatti portato gli analisti del comportamento a ritenere che non ci sia alcuna differenza, in termini di processi di apprendimento, fra un bambino che si sviluppa normalmente e un altro che presenta nel crescere alterazioni dello sviluppo cognitivo e disturbi del comportamento. Gli stessi principi si applicano ad ogni condizione umana e la ricerca mostra chiaramente che i bambini con autismo imparano e che può essere loro insegnato come a qualunque altro bambino.

Clicca qui (http://www.solidarietapiccante.it/) per avere tutte le informazioni sulla campagna ““Solidarietà piccante. Un peperoncino per l’autismo” e sulle modalità di donazione.

Rosamaria Freda

Tags:
solidarietàautismopeperoncino
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.