A- A+
Il Sociale

 
 

my chef

La notizia arriva dal giornale francese Le Monde, ma riguarda il nostro Paese. Secondo il quotidiano transalpino, nell'area di servizio MyChef di Pioppa Ovest, alle porte di Bologna, gestita dal gruppo francese Elior i lavoratori sono stati costretti a mettere una sorta di cintura capace di trasmettere segnali elettronici a una centrale operativa. Il sistema riesce a rilevare la posizione dei dipendenti e a mandare un avviso quando una persona resta senza muoversi per più di un minuto e mezzo.
 
E anche tra i tavoli del MyChef qualcuno ha confermato. “Non si tratta di un vero e proprio braccialetto elettronico come scrivono – precisa un dipendente dell'area di servizio al Fattoquotidiano  – ma di un dispositivo agganciato alla cintura, con un sistema gps integrato”.

L’azienda non smentisce. Secondo il gruppo francese si tratta di un sistema antirapina, adottato per garantire la sicurezza di coloro impiegati nei turni notturni, che scatta quando una persona resta sdraiata a terra.
 
I sindacati si sono subito mobilitati e chiedono una verifica dell’ispettorato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bracciale elettronicomychefeliorpausalavoro
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.