A- A+
Il Sociale
"Il ceo è anti-gay", campagna per boicottare Firefox

Niente Firefox siamo gay. Ma non solo. Niente Firefox perchè nega l'amore a parte di noi. Questo il messaggio sottinteso al boicottaggio proposto da sito statunitense di dating OkCupid contro Mozilla. La società sta protestando contro il nuovo Ceo, Brendan Eich, che ha sostenuto una campagna contro i matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Quando i membri di OkCupid entrano nel sito vengono accolti con un messaggio che li incoraggia ad utilizzare un browser alternativo per accedere al sito, tra cui Google Chrome, Opera, Safari e Internet Exploder. "Coloro che cercano di negare l'amore e invece imporre la miseria, la vergogna e la frustrazione sono i nostri nemici, e noi auguriamo loro nulla, se non il fallimento", recita il messaggio. Anche perchè, sottolinea in una lettera aperta il fondatore di okCupid, Hampton Catlin, tra i co-fondadori della nostra società c'è una coppia gay sposata.

Eich si è affrettato a pubblicare un suo piano per sostenere le politiche LGBT in Mozilla e ha espresso "dispiacere per il dolore causato. Mi impegno - ha aggiunto il ceo -  a garantire che Mozilla è, e rimarrà, un luogo che include e supporta tutti"

Tags:
firefoxgayceomatrimoniboicottaggio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.