A- A+
Il Sociale
Coronavirus, il paradosso della pandemia: denunce ai senza dimora

La prima denuncia a un senza dimora, per aver violato il decreto del Presidente del Consiglio che impone di rimanere in casa per l'emergenza coronavirus, è del 12 marzo, a Milano. Da allora ne sono fioccate altre: sei a Treviso, cinque a Roma, una a Milano (e quindi sono due nel capoluogo lombardo, nonostante le rassicurazioni della Prefettura dopo la prima), Genova, Verona, Siena e Modena. E si tratta di casi che sono emersi grazie alle associazioni che si occupano dei senza tetto, ma probabilmente ce ne sono molti di più. Denunce che portano in sé una evidente contraddizione: chi non ha casa non può rimanere in casa. Ed è anche per questo che Cristina Avonto, presidente della Federazione italiana degli organismi per le persone senza dimora (Fiopsd), ha deciso di scrivere oggi al Ministro degli Interni e a quello del Lavoro e politiche sociali, sottolineando che per chi vive in strada è "impossibile, e non per colpa loro, rispettare le indicazioni dei Dpcm e delle ordinanze regionali", chiarendo (nel caso ci fossero dubbi) che "non possono restare a casa perché non hanno una casa".

La presidente della Fiopsd fa anche presente che, per i 55 mila senza dimora presenti in Italia, in questo periodo di emergenza Coronavirus i "problemi sono accentuati dalla solitudine, dalle chiusura o limitazione di servizi essenziali (pasti caldi, mense al coperto, docce, centri di ascolto), dalla carenza di informazioni e di strumenti per prevenire la diffusione della pandemia".

"Aggiungere a tutto ciò l’umiliazione della multa o della denuncia è un atto inutile e disumano - sottolinea Cristina Avonto -; inutile perché non potrà portare a nulla se non un costo burocratico per il paese, disumano perché contro i principi di umanità e di rispetto verso la sofferenza e le condizioni di vita"."Non chiediamo una direttiva ad hoc - aggiunge la Fiopsd - perché probabilmente di difficile realizzazione e perché potrebbe dare luogo ad abusi da parte di persone che senza dimora non sono; chiediamo però alle istituzioni e autorità competenti (Ministro degli Interni, Prefetti, Sindaci) di pronunciarsi con una indicazione di metodo destinata alle forze incaricate dei controlli. Le persone intercettate per strada e che dichiarano di essere senza dimora vanno accompagnate presso i servizi attivi del territorio, oppure devono essere attivate le unità di strada presenti nel Comune". In altri termini, i senza dimora hanno il diritto di essere aiutati, non vanno multati. 

Da Redattore Sociale

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirus senza dimorasenza dimoracoronavirus denuncecoronavirus senza tetto
    Loading...
    in evidenza
    Al bancomat per prelevare 500 € "Perché che ce devi fà?"

    L'ironia della rete

    Al bancomat per prelevare 500 €
    "Perché che ce devi fà?"

    i più visti
    in vetrina
    Gwyneth Paltrow, via slip e reggiseno: compleanno bollente. FOTO DELLE VIP

    Gwyneth Paltrow, via slip e reggiseno: compleanno bollente. FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan

    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.