A- A+
Il Sociale
"Creativi dentro" in centro a Torino

A concedere i locali in comodato d’uso, all’interno di un edificio centralissimo che fu progettato da Lanfranchi e Juvarra, è stato il comune di Torino. Della ristrutturazione, invece, si sono occupati direttamente detenuti e agenti penitenziari: per oltre due mesi  hanno lavorato spalla a spalla, organizzando turni e facendo avanti e indietro tra il carcere “Lorusso e Cutugno” e le vetrine che, dal civico 2 di via Milano affacciano direttamente sul Municipio. Proprio qui, nel  pomeriggio, è stato inaugurato il primo negozio interamente dedicato alla distribuzione di prodotti  “made in carcere”: un’operazione unica nel suo genere, che i promotori sperano possa fare da apripista per altre città italiane.

Tra accessori, oggetti di design e prodotti enogastronomici, “FreedHome - Creativi dentro” distribuisce attualmente tredici marchi, tutti prodotti nei laboratori che associazioni e cooperative sociali hanno aperto nelle carceri dello Stivale: c’è la “Banda biscotti”, un’azienda dolciaria nata nella casa circondariale di Verbania e la sua omologa di Busto Arsizio, “Dolci Libertà”;  ci sono i laboratori di “Pausa Caffè”, che al “Lorusso e Cutugno” di Torino si occupano di torrefazione di caffè e lavorazione del cacao, mentre a Saluzzo hanno impiantato un birrificio artigianale e ad Alessandria un panificio. E ci sono, ancora, stamperie, prodotti agroalimentari, abbigliamento, cosmesi e molto altro ancora.   “L’obiettivo ora - ha dichiarato la Garante comunale per i diritti dei detenuti, Monica Cristina Gallo - è far si che questo negozio diventi un luogo d’accoglienza per i detenuti che vogliano lavorare all’esterno del carcere, in regime di articolo 21. E dal momento che questa amministrazione si sta dimostrando particolarmente sensibile ai temi legati all’imprenditorialità, che si prenda atto che ci sono ancora oltre duemila mani non ancora utilizzate in carcere”.

A patrocinare l’iniziativa infatti, oltre alla Compagnia di San Paolo e all’Amministrazione penitenziaria, c’è anche la giunta pentastellata da poco insediata a Torino, che ha raccolto il timone dalla precedente amministrazione guidata da Piero  Fassino. Proprio nel corso dell’inaugurazione, la neo-sindaca Chiara Appendino ha siglato un nuovo protocollo d’intesa con l’Amiat, la municipalizzata che nel capoluogo sabaudo si occupa della raccolta dei rifiuti. Del programma beneficeranno novanta detenuti del “Lorusso e Cutugno”, che nei prossimi sei mesi potranno uscire all’esterno del penitenziario per svolgere lavori di pubblica utilità: le attività saranno a titolo volontario e gratuito, ma il Comune integrarerà questi moduli con attività in regime di lavorio accessorio, che verranno retribuite grazie a un contributo della Compagnia di San Paolo e alla collaborazione della “Casa di carità Arti e Mestieri”, che fungerà da committente dei lavori e pagherà i detenuti tramite voucher. Dei costi assicurativi per la copertura di eventuali infortuni o malattie professionali si farà carico l’amministrazione comunale, che ai detenuti fornirà anche i titoli di viaggio offerti gratuitamente dall’azienda trasporti.

Da http://www.redattoresociale.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
made in carcere
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


casa, immobiliare
motori
Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid

Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.