A- A+
Il Sociale
Don Vinicio in Rai per commentare il Vangelo: "E' la prima volta che la Cei mi chiama"

I preti di strada irrompono in tv. Don Vinicio Albanesi è uno dei sacerdoti che, insieme a don Ciotti, don Patriciello e don Rigoldi, commenterà il Vangelo nella trasmissioni "A sua immagine", su Rai Uno. Una novità assoluta, anche perché è stata la Conferenza episcopale italiana a chiamare questi preti. Una scelta non scontata, frutto anche del nuovo approccio agli ultimi di Papa Bergoglio.

Don Vinicio, sorpreso da questa scelta della Cei?
Beh, sono prete da 47 anni ed è la prima volta che i vescovi chiamano me e tre confratelli per illustrare il mondo che viviamo.

E' un segnale importante, non l'hanno mai chiamata in questi anni?
No, ma non perché ce l'avessero con me. Probabilmente ci ritenevano marginali. L'azione cosiddetta pastorale è stata sempre incentrata sulla liturgia, la formazione e la catechesi, la carità era una specie di appendice da affidare a gente un po' strana, come noi.

Ma non era San Paolo che diceva che di tutte la più grande è la carità?
E non lo dica a me, ma a chi lo ha dimenticato. Pensi che in tutti i bollettini che la Caritas italiana scrive, non esiste una rivista teologica che parli di carità.

Possiamo dire che lei, insieme agli altri sacerdoti chiamati in Rai, rimetterà al centro la carità?
E' un tipo di approccio diverso, noi siamo preti come tutti, ma stando in frontiera e incontrando tutti i giorni tante persone, noi partiamo dalle storie delle persone per andare verso la luce che viene dalla fede, mentre la prassi ordinaria della Chiesa è stata spesso partire dalla verità per andare poi ad illuminare le condizioni delle persone. Ma è dall'incontro delle persone che vivi le luci e le ombre, vedendo in ciascuna storia, potenzilità, limiti e le cose meno in linea con la vita della Chiesa, ed è diverso dal dire 'questo vive nel peccato'.

Alcuni hanno visto in questa vostra chiamata in Rai la mano di papa Francesco, anche lei ci vede questo nuovo corso?
Questo è sicuro.

Come vorrebbe iniziare questo suo "percorso televisivo"?
Non sappiamo ancora bene questi aspetti, si partirà di certo con il commentare il Vangelo. 

Una televisione e una Chiesa che riparte dagli ultimi?
Riparte dalle storie dei più bisognosi. Noi facciamo i pastori, secondo le necessità delle persone. I vecchi preti, non a caso, quando stavano in campagna si occupavano di tutto. Solo dopo c'è stata una sorta di divisione che io chiamo "illuministica", intellettuale della scienza  che dà fede, ma la fede viene dalla vita delle persone. E' quello che Papa Bergoglio dice spesso, anche se non tutti l'hanno ancora capito.

Quindi è tutta la Chiesa che deve riavvicinarsi alla strada?
Esatto, anche perchè io sono un parroco, faccio comunioni, cresime, funerali, come tutti i parroci. Non faccio cose speciali...

 

Andrea Bufo

Tags:
pretistradacommentarevangelovinicio albanesi
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.