A- A+
Sport
Messi e quel mantello dell'emiro: sporcato il momento del trionfo in Qatar

Qatar 2022, Messi vive il trionfo con il mantello dell'emiro sulla maglia dell'Argentina

Ci sono pochi momenti più magici per un appassionato o un giocatore di calcio di quando il capitano della nazionale che ha appena vinto la finale dei Mondiali alza la coppa. Un momento iconico, accaduto già oltre 20 volte nel corso degli ultimi 98 anni. Un momento riservato solo a grandi giocatori della storia del calcio. Da Franz Beckenbauer a Dino Zoff, da Dunga a Cafù, da Fabio Cannavaro a Didier Deschamps. Ovviamente a Diego Armando Maradona. E da domenica 18 dicembre 2022, anche a Lionel Messi.

C'è però una grande differenza tra come la coppa dorata è stata alzata da Messi e da tutti gli altri prima di lui. Il grande campione argentino, meritatissimo eroe dell'epopea calcistica dell'Albiceleste che si è guadagnata con merito il terzo titolo mondiale a distanza di 36 anni dall'ultima volta, non indossava i colori della sua nazionale. Non solo, quantomeno. Sì, perché pochi secondi prima di ricevere la coppa del mondo dalle mani di Gianni Infantino, il contestato presidente della Fifa, ha dovuto suo malgrado in parte coprirli.

 

 

 

L'emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamal al-Thani, lo ha infatti vestito con il bisht, un tradizionale mantello maschile nel mondo arabo. La veste nera indossata gli è stata data come "segno d'onore" ma è davvero parsa come l'immagine del Qatar che mette il cappello, pardon il mantello, sul momento più importante della competizione. Sì, perché come chi sa chi ama il calcio come sport e non come show, i Mondiali non finiscono al fischio finale dell'ultima partita.

Il rituale della premiazione è forse anzi il momento più importante e alto non solo della competizione ma anche della carriera di un calciatore. In particolare per Messi, che arriva al trionfo più importante ormai alla fine della sua carriera, e non all'inizio come l'avversario battuto ieri Kylian Mbappé, già campione 4 anni fa con la sua Francia. Messi ha sofferto per arrivare al successo più importante, accettando critiche ingenerose e paragoni privi di particolare senso con il predecessore più ingombrante della storia del calcio, Maradona.

Immaginate che soddisfazione ieri arrivare a toccare quella coppa, chiudendo un cerchio lungo quasi 20 anni. Un momento che Messi avrebbe meritato di celebrare liberamente, esprimendo la sua gioia in maniera spontanea. E invece no, quel mantello nero è parso a molti appassionati quasi come uno "stupro". Il bisht ha coperto parte della maglietta dell'Argentina di Messi, compreso lo stemma nazionale, durante la cerimonia. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
argentinafifamaradonamessiqatar




in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.