A- A+
Sport

Da qualche tempo fa parlare molto di sé, più che per il suo cognome, per la capacità di rivoluzionare la sua vita senza timori o ripensamenti. Barbara Berlusconi, ventinovenne dirigente d’azienda, mamma di due bimbi, ha spiazzato tutti un’altra volta. Lo fa dai tempi in cui, nemmeno ventenne, entrò a far parte del consiglio di amministrazione di Fininvest per poi approdare nel CdA dell'A.C. Milan.

Lo ha fatto quando, biondissima, si è tinta i capelli di un rosso ramato o quando si è fidanzata con l’allora attaccante del Milan Pato, storia d’amore da poco finita. E ha continuato a farlo, scegliendosi come nuovo Principe Azzurro un ragazzo come tanti, un giovane universitario che si paga gli studi di Economia lavorando come barman in un’enoteca di Monza, che si è trovato catapultato in un universo fatto di paparazzi e di vacanze da vip, che però non sembrano capaci di montargli la testa. E se finalmente B.B. avesse trovato una persona più simile a lei? Chi la conosce, infatti, assicura sia una ragazza easy, di un’educazione disarmante e di una semplicità che non ti aspetti. Dietro un carattere d’acciaio, un’intelligenza fuori discussione e una coerenza critica non indifferente, insomma, si nasconde una giovane donna romantica e appassionata, che stravede per la famiglia e che non ha come priorità quella di stare sotto gli obiettivi.

Ecco perché, lontano da briefing che la obbligano in tailleur impeccabili e da serate di gala o da cover patinate in cui sfoggia mise da favola, ci piace immaginare che qui sia stata paparazzata in uno dei look che la rispecchiano di più: leggings, T-shirt e gli adorati Mou Boots. I luxury boots che hanno sedotto uno stuolo di celeb, come Cameron Diaz o Gwyneth Paltrow, hanno conquistato anche il cuore di Barbara, che se li infila per affrontare il freddo e le giornate di relax in cui può permettersi di rallentare e di dedicarsi a se stessa, ai propri cari, a godersi finalmente il tempo. Forse è per questo che i Mou Boots sono gli stivali più gettonati tra attrici e donne famose. Nati nel 2002 dall’intuizione dell’esperta di marketing e comunicazione Shelley Tichborne, hanno raggiunto in tempi record un grande successo proprio per la capacità della fondatrice del brand di infondere a ogni modello uno speciale mix di lusso, casual style e comfort, doti indispensabili per le donne di oggi. Ogni pezzo è realizzato con materiali top quality ed è creato in morbidissimo sheepskin con un’iconica cucitura a uncinetto in lana naturale, grazie alla quale non esiste un paio di Mou Boots uguale a un altro! Barbara ha scelto i caldissimi Eskimo 50 in montone double face con rifinitura a crochet di lana chiara, classici ed eterni, destinati a non passare mai di moda. Oltre alle nuances tradizionali dei sabbia e dei grigi, la nuova collezione dei Mou Boots alti al ginocchio per l’Autunno/Inverno 2013-14 offre un’ampia gamma di colori e tanti décor che li arricchiscono e li rendono ancora più particolari, come bordi in pelliccia, alamari, cinturini… Dettagli che aggiungono glamour a creazioni fatte per durare nel tempo e che, proprio come la “piccola” Berlusconi, amano le sfide. E sanno come vincerle.

Tags:
barbara berlusconimou

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.