A- A+
Sport
Calcio femminile all'esame degli USA

L'Fc Tacoma 253 (Ex Ac Seattle) è una società che pone molta attenzione al mondo del calcio femminile. Non solo a quello americano. Anche a quello italiano. Questo è dimostrato dal fatto che la squadra che partecipa dal 30 maggio alla Women's Premier Soccer League 2015 è composta anche da 7 giocatrci italiane: Federica Laddaga, Alia Guagni, Deborah Rinaldi, Francesca Vitale, Francesca Durante, Giorgia Casula e Margherita Corsico. Più una, che non potendo partecipare come calciatrice in questa stagione, vestirà un ruolo diverso dal solito, ma che conosce bene. Stiamo parlando di Giulia Di Camillo, la nuova communication manager. Per mano sua il progetto Fc Tacoma 253 al femminile approda anche in Italia. 

Il Gruppo OSA, grazie alla realtà calcistica italo-americana dell'Fc Tacoma 253, sta aiutando i sogni delle giovani calciatrici italiane a diventare reatà dal 2013. E continuerà a farlo anche in futuro. Con passione ed impegno. Perchè il calcio è di tutti. Tutti. 
Il progetto è nato con l'idea di permettere alle calciatrici del nostro Paese di partecipare ad un campionato americano (tra i più belli nel mondo del calcio femminile), per poter vivere un'esperienza che avrebbe cambiato la loro prospettiva del calcio per sempre. Una prospettiva ancora troppo piccola in Italia. 
Successivamente, il Gruppo OSA ha capito che sarebbe stato possibile fare lo stesso anche per le ragazze americane, aiutandole a vivere un'esperienza italiana. Infatti, Courtney Moore, nata a San Francisco, CA, ha appena finito di giocare la Serie A italiana con il club Pink Sport Time Bari. Com'è successo? Nell'estate 2014 la calciatrice americana ha giocato per l'Ac Seattle (la nuova Fc Tacoma 253) dove ha incontrato l'italiana

di camillo ape
 

Carmela Anaclerio, perno del team barese. Nel fare amicizia, hanno cominciato a sognare di incontrarsi nuovamente sui campi di calcio italiani. Il sogno, ancora una volta, è diventato realtà.
Ma c'è un'altra storia da raccontare. Quella di Camille Levin, una giocatrice del club statunitense Sky Blue Fc, desiderosa di provare la cultura del calcio del "bel Paese", dato che i suoi genitori hanno origini italiane. Grazie alla collaborazione che c'è da diversi anni tra OSA Soccer Group e Acf Fiorentina, Camille Levin ha scelto Firenze come città dove poter vivere un'esperienza indimenticabile.

Il gruppo OSA, guidato da un grande italiano come Giuseppe Pezzano, ha trovato nel calcio femminile valori importanti. Potenzialità impressionanti. Ci crede tantissimo cercando soprattutto di fare da ponte tra la realtà del calcio femminile americano e quello europeo. La missione del gruppo OSA continuerà con il fine di aiutare le giovani calciatrici, sia italiane che americane, a crescere e a svilupparsi anche grazie alla conoscenza di diverse culture calcistiche. 

 

Tags:
calciofemminile-statiuniti-donne
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

Hannibal mette a fuoco l'Italia
Meteo, temperature fino a 35°


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.