A- A+
Sport
Calcio, top club europei in profondo rosso: solo il Bayern chiude in utile

Il Covid mette ko i conti dei top club di calcio in Europa, il Manchester City è quello che vanta la rosa più costosa

Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Italia, Olanda, Portogallo e Turchia: il Covid non risparmia nessuno. Le performance economiche dei top club dei principali campionati europei, registrano tutte, una netta flessione. A "salvarsi" dal profondo rosso c'è solo il Bayern Monaco guidato da Julian Nagelsmann che registra utili per 1,8 milioni di euro. Mentre in Italia a soffrire è soprattutto l'Inter di Simone Inzaghi che perde in un anno 245,6 milioni. 

Questa seconda stagione calcistica disputata in epoca pandemica ha messo quindi, ancora una volta, a dura prova le casse delle varie leghe. Con ricavi totali registrati dalla maggior parte dei club ancora inferiori ai numeri pre-Covid, in un settore caratterizzato da una struttura dei costi prevalentemente rigida, la maggior parte dei campioni ha registrato perdite rilevanti nell’esercizio terminato tra maggio e giugno 2021.

A rivelarlo è lo studioThe European Champions Report’ di KPMG Football Benchmark, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, che revisiona e compara i principali indicatori di business perfomance dei campioni delle sei leghe più importanti nella stagione 2020-2021.

Il Bayern Monaco è stato l’unico club, tra quelli analizzati, a chiudere in utile, sebbene le cifre in valore assoluto siano leggermente inferiori rispetto alla scorsa stagione. Risultato comunque eccezionale, se si considera che questo è il 29° anno consecutivo chiuso con un profitto netto. Il club bavarese ha registrato ricavi per 597,5 milioni di euro (-2%), chiudendo la stagione con un utile di 1,8 milioni di euro (rispetto ai 5,9 milioni della stagione precedente).

Il Manchester City ha registrato i ricavi più alti tra i club presi in considerazione: 664 milioni di euro, un risultato che supera il record del club dell’ultima stagione prima della pandemia (pari a 548 milioni di euro).In crescita (+19% anno su anno) anche i ricavi totali dell’Inter pari a 347 milioni di euro, che tuttavia fanno registrare una perdita netta di 245,6 milioni di euro: la più alta mai registrata da una squadra di di calcio italiana. Pesano la crescita dei costi operativi, i ricavi legati alle presenze allo stadio in occasione delle partite e i bassi ricavi da player trading. 

Crolla, invece, la redditività dell’Atletico Madrid, che registra una perdita di 111,7 milioni di euro, una variazione negativa netta rispetto allo scorso anno, dovuta principalmente all’assenza di ricavi connessi alle grandi cessioni registrate nel corso dell’anno precedente.

Sebbene ci siano delle eccezioni, la tendenza più comune osservata è stata che i ricavi operativi - duramente colpiti da una quasi totale perdita degli incassi da botteghino e sia pure parzialmente mitigata da ricavi radiotelevisivi e commerciali stabili o in aumento- non sono riusciti a compensare i costi del personale generalmente elevati e la flessione dei redditi connessi alla compravendita dei cartellini dei giocatori.

È importante evidenziare, inoltre, che i dati sulla crescita dei ricavi sono per lo più correlati alle entrate dei diritti tv incassati in ritardo per le partite posticipate della precedente stagione 2019/20 a causa del Covid. A causa delle restrizioni per la pandemia di Covid-19, che hanno vietato o limitato fortemente la presenza dei tifosi negli stadi in occasione delle partite, i ricavi da botteghino sono stati quasi completamente azzerati per tutti i club analizzati.

In calo anche i ricavi dovuti alla compravendita dei cartellini dei calciatori, che hanno visto una riduzione dei valori a causa della crisi che ha colpito le società. La differenza è piuttosto evidente tra le squadre che militano nelle leghe principali (Manchester City, Atletico Madrid, Inter e Bayern Monaco), che molto spesso acquistano i cartellini di calciatori già affermati a costi elevati, e quelle che partecipano a tornei minori, che puntano, invece, sulle giovani promesse da rivendere sul mercato. Infatti, il Manchester City ha sostenuto nelle ultime quattro stagioni la spesa più alta per l’acquisto di nuovi giocatori complessivamente di 294 milioni di euro. Vnta la rosa più costosa pari a 1,237 miliardi di euro, unico insieme a Chelsea e Manchester United a superare il miliardo di valore. 

Atlético Madrid e Bayern Monaco hanno sostenuto una spesa netta complessiva per trasferimenti nelle ultime quattro stagioni ciascuno pari a oltre 100 milioni di euro. L’Inter, invece, tra le squadre analizzate è quella che ha ridotto maggiormente nelle ultime due stagioni la spesa per l’acquisto di calciatori. Anche il valore dei cartellini dei calciatori ha subito l’impatto del Covid-19.

L’Inter, ad esempio, ha visto ridursi del 12% il valore della propria rosa: questo a causa della scarsa disponibilità economica sul mercato, che ha deprezzato il player trading, ma anche della cessione di alcuni elementi importanti la scorsa estate. Bayern Monaco, Lille, Sporting CP e Besiktas sono riusciti, nonostante le difficoltà, ad incrementare il valore dei calciatori tesserati. 
 

Commenti
    Tags:
    bayerncalcioclubutile




    in evidenza
    Affari in Rete

    MediaTech

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo

    Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo


    motori
    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.