A- A+
Sport
Carlo Vittori è morto: allenò Pietro Mennea e ne fece un campione

Una notizia triste scuote l'atletica italiana: e' morto il prof. Carlo Vittori. A darne notizia la sezione regionale Fidal delle Marche. Maestro dello sprint tricolore, Vittori lego' il proprio nome in particolare a quello di Pietro Mennea, formando con lui, in uno straordinario rapporto tra caratteri forti, uno dei "binomi" tecnico-atleta piu' vincenti della storia dello sport italiano. Nato ad Ascoli Piceno il 10 marzo del 1931, si era affermato in gioventu' come sprinter, arrivando a vestire la maglia azzurra per otto volte, tra il 1951 e il 1954 (nel 1952, anche la partecipazione ai Giochi di Helsinki); ma solo successivamente, a bordo pista, nel ruolo di allenatore, il professore contribui' a scrivere pagine memorabili per la velocita' italiana. L'approccio metodologico innovativo, il rigore applicativo, avevano bisogno di un interprete: il cerchio si chiuse all'inizio degli anni '70, quando Vittori prese in mano il talento di Pietro Mennea, elevandolo all'ennesima potenza sportiva. Tanto crebbe Mennea sotto la guida di Vittori, tanto crebbe il 'prof' nella sua conoscenza della materia, in un'evoluzione che rese entrambi pilastri di una vera e propria scuola italiana della velocita' internazionalmente riconosciuta.

Un'eta' dell'oro idealmente culminata, al di la' degli straordinari successi di Pietro (come il primato mondiale dei 200 di Messico 1979 e il trionfo olimpico di Mosca 1980), nella medaglia d'argento mondiale della staffetta 4x100 a Helsinki 1983, con il quartetto azzurro (Tilli, Simionato, Pavoni, Mennea) fra gli Stati Uniti di Carl Lewis e le maglie rosse dell'Unione Sovietica, le due superpotenze dell'epoca. Prodigo anche dal punto di vista letterario, decine di studenti-tecnici si sono formati sui testi firmati da Carlo Vittori, portando poi quella conoscenza in tutto lo sport italiano. L'atletica, che gli aveva conferito solo poche settimane fa la sua onorificenza piu' alta (la Quercia al merito di III grado), oggi si ritrova a piangerlo. Cordoglio viene espresso dal presidente Fidal Marche, Giuseppe Scorzoso, e da tutta l'atletica marchigiana. I funerali si svolgeranno nella mattinata di sabato 26 presso la Chiesa di Sant'Angelo Magno ad Ascoli Piceno, in via Sant'Angelo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carlo vittoripietro menneaatletica leggera
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”

WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.