A- A+
Sport

CAVANI, IL BAYERN PRONTO A DIRE 70. NAPOLI SU SANCHEZ O DIAMAO - Non City o Chelsea e neppure Real Madrid, ma Bayern Monaco. Sarebbe proprio il club bavaresen il primo fan del Matador, pronto a investire i famosi 70 milioni complessivi per strappare Cavani al Napoli, senza che Aurelio De Laurentiis possa metterci bocca (costringendolo a incassare 63 netti). Questo il regalo che Rumenigge sta pensando per il suo prossimo top-allenatore, Pep Guardiola. Di sicuro, il club partenopeo non starà con le mani in mano in caso di addio del suo bomber uruguagio. A prescindere è previsto un mercato con cinque o sei innesti doc. E in attacco si cercherebbe uno tra Alexis Sanchez (in orbita Inter con le voci di accordo che hanno spiazzato la Juve in primis) e Leandro Damiao. Attenti anche alla pista Muriel...

cavani mazzarri

DE LAURENTIIS: "CAVANI' SE C'E' UN PAZZO CHE MI DA' 70 MILIONI... MAZZARRI? VEDIAMO SE RESTA"

"Cavani sa perfettamente che al Napoli e' rispettatissimo e gli vogliamo bene e non solo per i gol che fa ma perche' e' una persona seria e garbata. E poi esiste una clausola rescissoria. Se c'e' un pazzo che vuole tirare fuori 70 milioni, che corrispondono ai 63 milioni netti per il nostro club, noi ascoltiamo ma comunque sara' Cavani ad avere l'ultima parola". Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, a margine della cerimonia del Premio 'Andrea Fortunato' svoltosi al Campidoglio di Roma, ha parlato del possibile addio a fine stagione del bomber uruguaiano, tornato domenica al gol dopo un periodo di astinenza. "Sono contento per Cavani - ha detto il numero uno partenopeo in merito alla doppietta realizzata contro l'Atalanta - perche' sembrava fosse diventata una telenovela. E soprattutto per Pandev, che era moltissimo che non segnava e poi e' stato un goal determinante perche' ci ha permesso di vincere". Chi puo' permettersi Cavani e' presto detto: "Ci sono delle squadre che hanno un fatturato molto elevato come Barca e Real Madrid, poi altre che, senza un fatturato elevato, ancora non so per quanto tempo, vanno fuori budget ignorando la regola del fair play finanziario. Io per lui ho messo una asticella molto alta, ma noi non vogliamo trattenere nessuno".

La corsa al secondo posto si è fatta complicata. Il patron non è dello stesso parere: "Non temo una rimonta del Milan. Noi siamo qui per giocare e noi non temiamo nessuno". Tra l'altro anche altre squadra ambiscono a giocare in Champions. Dalla Fiorentina all'Inter, passando per Lazio e Roma. A proposito dei giallorossi: "A me fa piacere vedere ad esempio Totti segnare e trascinare in alto una Roma che sembrava allo sbando. Perche' quando recupera una squadra che ha dei valori e' il calcio nazionale che recupera interesse".

"Immaginate che squallore se a questo punto ci fosse stata la Juventus a 80 punti, a 75 il Napoli e tutti gli altri a 50, un po' come succede nel campionato spagnolo - ha aggiunto De Laurentis - noi vogliamo rimanere in un campionato che sia competitivo altrimenti tutto diventa troppo semplice e scontato". Dopo 5 turni in campionato senza vittorie, il Napoli e' tornato ieri al successo (3-2 contro l'Atalanta), forse per merito anche della presenza in settimana del patron: "Io sono molto rispettoso e non intervengo quasi mai, pero' ad un certo punto era doveroso parlare con questi ragazzi e far sentir loro il sostegno della societa'".

"Il mercato? Dipendera' molto da Mazzarri se restera' e cosa vorra' fare''. Dichiarazione che lascia qualche nuova ombra sul futuro del tecnico, Mazzarri, che a piu' riprese ha detto di essere pronto a prendersi un anno sabbatico. "Abbiamo un rapporto leale e amicale, io sono grato a Walter per questi 4 anni in cui ci ha consegnato professionalita' e ardore".

E si torna su Cavani: "La nostra e' una piazza che pretende molto. A Napoli e' piu' difficile vincere perche' si vogliono idoli da idolatrare ma non basta. Se non dovesse rimanere il mercato dipendera' anche da chi lo sostituira' e dipendera' moltissimo anche se ci verra' strappato Cavani. E' prematuro parlare di mercato, ma ogni anno si devono fare cinque innesti che migliorino il gruppo. Ci sara' uno stanziamento considerevole per fare il lavoro di cui l'allenatore attuale o futuro avra' bisogno".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
de laurentiiscavanichampions
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.