A- A+
Sport
Disastro Inter, Zeman la umilia a San Siro

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

Zeman ride, l'Inter piange. Trionfo del tecnico boemo a San Siro, davanti al presidente Thohir, e nerazzurri ridimensionati. Pesa, e tanto, l'espulsione di Nagatomo sull'1-1, ma la difesa interista fa acqua da tutte le parti. Per la banda Mazzarri di strada da fare ce n'è ancora tanta, tantissima...

LE SCELTE – Mini turnover per Mazzarri che cambia 4 titolari rispetto alla sfida infrasettimanale contro l'Atalanta. Andreolli rileva Ranocchia in una difesa completata da Vidic e Juan Jesus. Sulle fasce c'è Nagatomo a destra al posto di Jonathan, a sinistra Dodò. In mezzo al campo confermati Medel e Kovacic, mentre Hernanes torna dal primo minuto a scapito di Guarin. Davanti Palacio è affiancato da Osvaldo, mentre il convalescente Icardi parte inizialmente dalla panchina. Zeman conferma la formazione pronosticata alla vigilia, con il suo solito 4-3-3. Spazio a metà campo a Crisetig, cresciuto nel vivaio nerazzurro. Tridente con Ibarbo, Sau e Cossu.

PRIMO TEMPO - Inizio piuttosto contratto, ma al 9' doccia gelata per l'Inter. Incomprensione difensiva con Nagatomo che prolunga un lancio di Cossu e la palla arriva a Sau, solissimo davanti a Handanovic. Il piccolo centravanti sardo controlla e fulmina Handanovic per il vantaggio del Cagliari. Un minuto più tardi i nerazzurri hanno già l'occasione per il pari con Palacio, che si trova solo davanti a Cragno dopo un lancio dalle retrovie. L'argentino però calcia debole e il portiere sardo respinge. Al 18' ingenuità clamorosa del Cagliari che lascia battere velocemente un calcio di punizione dal limite a Palacio. L'argentino appoggia a Osvaldo che da solo in area fa 1-1. Al 27' momento potenzialmente decisivo per la partita. Nagatomo commette due falli, i primi due della sua partita, in rapida successione. Due gialli uno di seguito all'altro e Inter in dieci. Mazzarri ridisegna una difesa a 4 abbassando Dodò e allargando Andreolli. Neanche il tempo di mettersi in posizione che in seguito a un'azione confusa in area nerazzurra irrompe Ekdal che manda in rete il pallone dell'1-2. Partita davvero tutta in salita per i nerazzurri. Il disastro continua al 34' con Ibarbo che lascia sul posto Dodò e mette al centro per Ekdal che segna la sua incredibile doppietta. Inter al tappeto. Al 42' altra decisione piuttosto dubbia di Banti che concede un rigore al Cagliari dopo un intervento di Vidic che prende il pallone prima delle gambe dell'attaccante sardo. Cossu però si fa ipnotizzare da Handanovic che, almeno ipoteticamente, tiene in gara l'Inter. Ma la difesa dei nerazzurri, tanto lodata fin qui, è imbarazzante e su azione da corner Ekdal fa tris personale e poker per i sardi. Nel frattempo da registrare anche l'infortunio di Dodò, costretto a lasciare posto a D'Ambrosio.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con un altro cambio per l'Inter, con Mazzarri che fa entrare in campo Guarin al posto di Medel. Hernanes arretra a fare il regista difensivo. C'è poco da raccontare in una ripresa che ha ben poco da dire. L'Inter prova con l'orgoglio rimasto a rientrare in gara ma il Cagliari controlla senza affanni e anzi va più volte vicino al quinto gol.

Le pagelle dell'Inter

HANDANOVIC 5,5. Para il rigore, è vero, ma sugli altri gol del Cagliari non è mai irreprensibile.

ANDREOLLI 4. Scelto a sorpresa al posto di Ranocchia, non si può certo dire che si sia giocato bene le sue chance. Sempre incerto.

VIDIC 4,5. Dovrebbe essere lui a guidare la difesa, ma assiste impotente al disastro.

JUAN JESUS 5. Partecipa al disastro collettivo.

NAGATOMO 4. D'accordo, 9 arbitri su 10 non ti espellono per i primi due falli della tua partita, ma lui non può rischiare di lasciare la squadra in 10 dopo 25 minuti. Inoltre regala il gol del vantaggio a Sau.

HERNANES 4. Invisibile.

MEDEL 5. Stavolta viene risucchiato anche lui dal movimento e dalla velocità del centrocampo avversario. (GUARIN 6. Ci mette voglia).

KOVACIC 5,5. Nemmeno lui riesce mai ad accendere la luce.

DODO' 4. Disastroso. Ibarbo lo fa a fette. (D'AMBROSIO 5. Davvero impreciso).

PALACIO 4,5. Si mangia il gol dell'1-1, sbaglia tutto quello che può sbagliare. (ICARDI s.v.)

OSVALDO 6. Segna il suo quarto gol in campionato, ma non basta a evitare la disfatta.

ALL. MAZZARRI 4. Non può bastare l'alibi dell'espulsione di Nagatomo per spiegare un disastro simile. Difesa inguardabile, puntualmente superata dalle tre punte sarde. Incomprensibile la rinuncia a Ranocchia. E Campagnaro dov'è finito? Brusco risveglio per una squadra che ad alti livelli non è ancora presentabile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
intercagliari
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti

Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.