A- A+
Sport
Joseph Blatter

I campionati mondiali di calcio nel 2022 si terranno in Qatar e gia' si parla delle difficili condizioni climatiche con cui le squadre ma anche gli spettatori dovranno fare i conti. A giugno le temperature saranno anche di 40 gradi, insostenibili per calciatori e spettatori, e questo nonostante gli impianti saranno dotati di aria condizionata. Il pericolo per la salute dei calciatori e' elevato e anche lo spettacolo calcistico ne risentirebbe inevitabilmente. Ecco perche' la Fifa e la Uefa spingono perche', in via eccezionale, i Mondiali 2022 si tengano a gennaio o febbraio. L'unica voce fuori dal coro, riferisce ''Calciomercato.com'', e' rappresentata dalla Premier League inglese che non fa soste durante il periodo natalizio. Ma David Richards, presidente della Premier, afferma: ''Tutti dicono di giocare a giugno, oggi potete constatare tutti quanto faccia caldo. Non voglio neanche pensare che i miei giocatori possano trovarsi in questa situazione. La FIFA ha esposto ragioni mediche per cui non si puo' giocare con questo caldo. La UEFA dice che bisogna giocare in inverno. Che si prenda una decisione in fretta''.

Tags:
fifamondiali 2022

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.