A- A+
Sport
Guerra Ucraina, Bonomi rinuncia alla Lega Serie A: "Momento storico difficile"

Guerra Ucraina, il presidente di Confindustria fa un passo indietro: concentrarsi solo sulla difesa degli interessi industriali 

Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, rinuncia alla candidatura della Lega Serie A. Era il candidato forte, appoggiato trasversalmente tanto dalle grandi quanto dalle piccole squadre. Ma il precipitare della situazione in Ucraina ha indotto Bonomi a fare un passo indietro e a rinunciare alla sua candidatura come prossimo numero uno di via Rosellini.

"Il mio dovere istituzionale in un momento straordinario come questo non può che concentrarsi solo sulla difesa degli interessi del sistema industriale italiano", ha affermato in una nota ufficiale Bonomi. "Per questo ho comunicato ai club della Lega Calcio che mi è impossibile accogliere la richiesta che mi era stata rivolta di assumerne la presidenza. Naturalmente, Confindustria resterà sempre disponibile a qualunque contributo sia volto a ridare al sistema calcio il ranking finanziario e manageriale che gli spetta in Europa".

Troppo grave la situazione internazionale, anche per i risvolti che l'attacco russo potrebbe avere sull'economia del nostro paese. "Il precipitare degli eventi in Ucraina chiama oggi tutti a riaffermare il proprio impegno a sostegno della libertà e a lavorare nella massima unità nella Comunità Europea e nella Nato per fermare una nuova guerra d'aggressione nel nostro continente", ha continuato Bonomi. 

"L'Italia, come sappiamo, è particolarmente esposta sul gas e il rischio di conseguenze peggiori in relazione a quanto sta avvenendo in queste drammatiche ore si aggiunge alle grandi difficoltà che, negli ultimi mesi, hanno già considerevolmente colpito le imprese e frenato la ripresa italiana. Ho subito attivato una consultazione straordinaria di Confindustria con le nostre analoghe associazioni europee", ha sottolineato il numero uno di Confindustria. 

Nella riunione di domani, quindi, il vice presidente Luca Percassi non presenterà la candidatura di Bonomi alle 20 squadre di Serie A, che il 3 marzo dovranno poi eleggere il nuovo presidente. Restano sul tavolo gli altri tre nomi: Lorenzo Casini, capo di Gabinetto del Ministero della cultura, figura sostenuta soprattutto da De Laurentiis, Lorenzo Bini Smaghi, economista proposto dallo Spezia e gradito dalle proprietà americane, e Mauro Masi, ex direttore generale della Rai su cui punta Lotito.

LEGGI ANCHE: 
Serie A, Bonomi verso presidenza: “l’uomo forte” per avere i soldi dal governo
Bonomi, anche Confindustria incalza Draghi: "Sulle bollette serve di più"
Contratti e salari, Landini: "Inaccettabili le parole di Bonomi"
Commenti
    Tags:
    carlo bonomicrisi ucrainalega serie a




    in evidenza
    Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"

    MediaTech

    Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

    Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.