A- A+
Sport
ibrahimovic modificato 14

Zlatan Ibrahimovic non tornera', almeno per il momento, a vestire la maglia della Juventus. Ad assicurarlo, ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su Radio1, e' il direttore generale dell'area sportiva e amministratore delegato della Juventus, Giuseppe Marotta. "Nedved ha esternato una valutazione tecnica (nel corso dei sorteggi di Champions quando Pavel disse di averne anche parlato con Leonardo, ndr), dicendo che e' un campione, cosa che condivido - spiega il dirigente bianconero - cosa diversa e' considerarlo un profilo da Juve". Pesa l'ingaggio fuori dal budget della Signora: "I paramentri che lo accompagnano non sono i nostri, per cui non sara' un giocatore da Juventus".

Anche per Icardi, esploso quest'anno nella Sampdoria, non c'e' particolare voglia di bruciare le tappe (tanto più che pare ormai prossimo all'Inter per 13 milioni): "Quando si parla di giovani, bisogna andare coi piedi di piombo ed avere pazienza. Quest'anno e' il giovane piu' interessante del campionato, ma prima di considerarlo un grande giocatore bisogna attendere. Deve acquisire continuita', anche se e' un attaccante che tutte le squadre vorrebbero avere". Marotta infine spiega l'arrivo di Anelka, utilizzato fin qui da Conte col contagocce: "E' arrivato a parametro zero, avevamo fuori Bendtner e abbiamo cercato di lasciare nulla di intentato, rafforzando il reparto offensivo in caso di infortunio. L'operazione e' stata rilevante perche' ci siamo accollati lo stipendio del giocatore ma legata a una situazione contingente".

conte modificato 12

Conte dopo le ultime polemiche (legate alla sua esultanza nel match contro il Bologna) aveva esclamato: "Mi viene voglia di andare all'estero". Dove non gli mancano le offerte. Marotta però è tranquillo: "E' ovvio che un allenatore non posso restare una vita in una società, ma io sono certo che nei prossimi anni avremo ancora Conte con noi". E sul caso specifico: ''Si è trattato di piccoli gesti di libertà da tollerare - spiega il dirigente - La sua è stata un'esultanza rivolta solo alla nostra gente, senza assolutamente mancare di rispetto agli avversari, nonostante lui sia stato insultato dai tifosi avversari in tribuna. Il calcio e' un contenitore di emozioni che a mio parere non vanno represse''.

Restano i brutti episodi del pre-partita: "La situazione sta degenerando. Ogni volta che andiamo in trasferta veniamo scortati da blindati della polizia e accolti da bastionate e lanci di pietre. Sicuramente il tifo può diventare vessatorio. Ci sono situazioni non solo riconducibili al tifo. Mi sembra di essere tornati al tempo dei romani e dei gladiatori, 'mors tua, vita mea', ma la situazione deve essere allargata è una questione di cultura e di educazione e bisogna trovare gli elementi che possano acculturare questi ragazzi".

Tags:
ibrahimovicjuvemarotta
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.