A- A+
Sport
Inter, il futuro di Inzaghi appeso a un filo: ecco chi lo sostituirà
Simone Inzaghi (Lapresse)

Inter, l'ottava sconfitta in campionato segna il destino di Inzaghi

L'ottava sconfitta in campionato, 2-1 contro lo Spezia, ha fatto letteralmente imbufalire la dirigenza dell'Inter. Nel mirino è finito l'allenatore Simone Inzaghi, capace di traghettare la squadra in Champions fino a giocarsi i quarti con il Porto (mercoledì il ritorno in terra lusitana) ma inadatto a far sentire la sua mano in campionato. Troppi passi falsi, troppi cali di tensione. Le sconfitte con Empoli (a San Siro), Bologna e ora Spezia, tutte nel 2023, fanno vacillare la fiducia nei riguardi dell'allenatore.

Inzaghi è il terzo tecnico più pagato della Serie A con circa 4 milioni di ingaggio. Spalletti, che pure guadagna 800mila euro meno di lui, ha portato il Napoli ai quarti di Champions (dopo aver chiuso al primo posto il girone) e soprattutto ad aver praticamente archiviato il campionato a marzo. Dunque Marotta, Ausilio e gli altri si guardano intorno: vogliono capire che cosa fare.

Nelle scorse settimane è circolata la voce di un contatto con Antonio Conte, a sua volta in discussione dopo l'eliminazione con il Milan negli ottavi di Champions League. Il mister leccese conosce benissimo Appiano Gentile e tornerebbe volentieri in Italia. Destinazione Inter? Difficile dirlo, anche perché se ne andò sbattendo la porta temendo che le ambizioni della Benamata potessero essere ridimensionate. 

Lo scorso anno Inzaghi è arrivato secondo in campionato, ma pesa come un macigno l'aver dilapidato sette punti di vantaggio sul Milan e aver perso lo scontro diretto decisivo. A lui si imputa la mancanza di voglia, di vigore, di "cazzimma". A parte l'ex allenatore della Lazio, si fanno i nomi di Dejan Stankovic e Thiago Motta, due ex che conoscono molto bene la squadra.

C'è anche da avviare una profonda riflessione sui giocatori. Se Milan Skriniar a fine stagione saluterà a parametro zero, resta da capire che cosa fare con gli altri interpreti. Lasciare andare Edin Dzeko? E Romelu Lukaku? Puntare ancora su Dumfries o provare a monetizzare? Servono almeno due difensori e un attaccante, sapendo però che, come ogni anno, il mercato dovrà essere interamente autofinanziato. In bocca al lupo alla dirigenza. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
conteinterinzaghilukakumarotta




in evidenza
La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

Nostalgia Masolin

La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


in vetrina
Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura

Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura


motori
Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.