A- A+
Sport
Juve frena a Udine. Allegri: "Abbiamo rischiato di perdere"

Non e' soddisfatto Massimiliano Allegri e lo dice apertamente. Il tecnico toscano non ha gradito la prestazione della sua Juventus fermato sullo 0-0 al Friuli da un'ottima Udinese. "Nel primo tempo abbiamo giocato male dal punto di vista tecnico almeno fino al 35' - spiega l'allenatore bianconero ai microfoni di Sky Sport -, continuavamo a buttar via la palla e avevamo troppa fretta nel costruire azioni per cercare il gol.Eravamo in troppi sulla linea della palla, loro hanno costruito un ottimo muro e hanno dimostrato di essere molto abili nelle ripartenze. Abbiamo rischiato 2-3 volte di subire la rete del vantaggio e nel primo tempo era piu' facile prendere gol che farlo. Nella ripresa abbiamo palleggiato un po' di piu', arrivavamo piu' agevolmente vicino la loro area di rigore e senza concedere ripartenze. Sapevamo che non era una partita semplice, l'Udinese e' una squadra che aggredisce molto, ha giocato con grande intensita', mentre noi abbiamo fatto molti errori tecnici, anche se nel secondo tempo abbiamo creato 2-3 occasioni per far gol. Il risultato giusto ed e' giusto dire che abbiamo anche rischiato di perdere".

Allegri e' tornato al 3-5-2, accantonando il 4-3-1-2 degli ultimi mesi. "A parte chi ha giocato come centrocampista aveva a disposizione solo Padoin che poi e' entrato al posto di Evra. Ma al di la' del modulo il problema di oggi e' che abbiamo un po' affrettato le giocate, dovevamo palleggiare con piu' velocita' e portare la palla piu' vicina alla loro area di rigore anche per non farli ripartire".

La Roma sabato ha pareggiato e in caso di vittoria la Juve sarebbe volata a +9. Non e' andata cosi', ma sette lunghezze di vantaggio sono comunque un buon margine. "Il campionato e' lungo, sette punti sono due partite e mezzo e di sicuro i nostri 50 punti non bastano per vincere il campionato - spiega Allegri -. Bisogna ricominciare a vincere".

Llorente al fianco di Tevez, nella ripresa spazio a Morata che per Allegri "ha una qualita' importante, quando gioca, sia dall'inizio che a partita in corso, ha sempre 2-3 occasioni per far gol. Oggi ho scelto Llorente perche' col 3-5-2 avevo bisogno di avere le punte vicine. Llorente nel primo tempo ha fatto un buon lavoro, ma e' un attaccante che ha bisogno del supporto della squadra, noi abbiamo crossato poco e non abbiamo trovato la superiorita' in campo".

Si torna sul cambio di modulo: "il passaggio dalla difesa a 4 a quella a 3 non dovrebbe creare difficolta', ma oggi avevamo tre difensori piu' Pirlo davanti a Buffon, poi tutti in avanti. Avevamo fretta di far gol, ma nel calcio serve pazienza, soprattutto contro un'Udinese molto aggressiva e molto forte nelle ripartenze, perche' Di Natale e' bravo a lanciare, Fernandes e Thereau hanno buona gamba e i pericoli ce li hanno creati. A Udine non e' mai semplice giocare, l'Udinese ha questa grande qualita' di renedere la vita difficile a tutti gli avversari". Secondo Allegri sara' "piu' difficile fare punti nel girone di ritorno, perche' valgono il doppio o il triplo. Anche le squadre che devono salvarsi creano difficolta' e giocano in maniera diversa, hanno meno spensieratezza e concedono poco. In questi casi serve pazienza e bisogna giocare meglio tecnicamente perche' gli spazi saranno sempre meno e non si devono fare errori".

Mercato: "Matri e Osvaldo sono due giocatori importanti, valutera' la societa' le condizioni migliori per portarne uno dei due a Torino. Domani e' l'ultimo giorno di mercato vedremo cosa succedera', ma e' partito Giovinco e serve un altro attaccante da qui alla fine della stagione perche' 4 sono pochi". Finirà con il ritorno di Alessandro Matri (giocatore che Allegri conosce e apprezza dai tempi del Cagliari) in bianconero, mentre Osvaldo rischia seriamente di restare per altri sei mesi all'Inter.

Tags:
allegri. juventusudineseudinese juventuscampionato
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.