A- A+
Sport
Juventus, disastro Allegri: è la partenza peggiore dal 1962
Massimiliano Allegri (Lapresse)

Juve-Milan, per i bianconeri sono solo 2 i punti conquistati in 4 giornate. L'ultima volta con una partenza così la Juventus chiuse la stagione al 12esimo posto

Massimiliano Allegri è stato richiamato dalla Juventus per ridare smalto a una squadra che ha chiuso la scorsa stagione con un quarto posto acciuffato solo all'ultima giornata. L'addio inaspettato di Cristiano Ronaldo e un bilancio non certo florido (il passivo supera i 200 milioni di euro), sembrano aver però fortemente destabilizzato l'ambiente bianconero. Con il pareggio casalingo di ieri sera con il Milan la Juventus ha ottenuto appena 2 punti in 4 giornate. L'unica vittoria fino ad oggi è arrivata in Champions League con il Malmoe. La squadra di Allegri attualmente si trova in fondo alla classifica a pari punti con il Cagliari. Solo la Salernitana ha fatto peggio con zero punti conquistati. Si tratta della peggiore partenza dalla stagione 1961-62, che si chiuse con un docidesimo posto in classifica.

Juve-Milan, Allegri: "Ho sbagliato i cambi. Gli ultimi minuti fanno la differenza, nessuno si ricorda la prestazione ma che abbiamo perso 2 punti"

Allegri nel post partita ha lamentato una certa mancanza di concetrazione e di cattiveria da parte della squadra: "Basta vedere l'angolo del gol, avevamo troppa sufficienza nella fase difensiva. Quando arrivano quei momenti lì non esiste che gli altri facciano gol, dobbiamo essere così bravi che non riescono. Dobbiamo migliorare su questo, nonostante la squadra abbia fatto un passo avanti", ha detto il tecnico ai microfoni di DAZN. I punti persi con il Milan non sarebbero solo colpa dei giocatori ma anche dello stesso Allegri che ha fatto mea culpa: "Diciamo che la responsabilità è mia sui cambi, che li ho sbagliati. Perché? Perché li ho sbagliati, dovevo mettere gente più difensiva. La partita era ormai in cassaforte, ho sbagliato".

"Meno male che l'arbitro ha fischiato la fine, se no rischiavamo di perderla. - conclude Allegri - Sono gli ultimi 15' che fanno la differenza, se non si capisce l'importanza del risultato e non si mettono da parte le robe personali, se non ci si mette a disposizione della squadra a costo di fare il terzino anche se sono una punta, succede questo. Nessuno si ricorda della buona prestazione, ma che abbiamo lasciato due punti per strada".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    juve milanallegrijuventusallegri esoneroallegri juve
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4

    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.