A- A+
Sport
Milan-Udinese 4-2: Rebic-Diaz volano, Kalulu da applausi. PAGELLE ROSSONERE
Theo Hernandez, Leao e Rebic (foto Lapresse)

MILAN-UDINESE 4-2: THEO HERNANDEZ RISPONDE A BECAO. REBIC E BRAHIM DIAZ METTONO KO I FRIULANI

Il Milan campione d'Italia inizia la stagione calando un poker di gol all'Udinese e regalando momenti di grande calcio: finisce 4-2 il match di San Siro (sold out - 40mila abbonati e 30mila biglietti venduti - sono 70.197 i tifosi accorsi allo stadio) con i rossoneri che vanno subito sotto dopo 90 secondi per il colpo di testa di Becao (quinta rete in serie A e terza in carriera del difensore brasiliano contro il Diavolo), ma nel giro di un quarto d'ora l'hanno già ribaltata grazie a un rigore perfetto di Theo Hernandez (primo penalty da 8 mesi a questa parte: l'ultimo fu contro lo Spezia il 17 gennaio: in quel caso calciò sempre il terzino francese ma non lo trasformò) e la rete di Rebic (cross di Calabria messo in moto da una bella giocata di Brahim Diaz). Sul finire del primo tempo pareggia di testa Masina (perso da Messias). Nella ripresa ecco terzo gol del Milan firmato da Diaz (che sfrutta un'indecisione della difesa friuliana su cross di Theo Hernandez e anticipa il portiere) e 4-2 finale che vale la doppietta di Ante Rebic con assist di un Brahim formato extra-lusso (su palla recuperata grazie al pressing di Messias su Pereira).

MILAN-UDINESE 4-2, LE PAGELLE DEI ROSSONERI

Maignan voto 6 incolpevole sui gol. Nella ripresa non si fa sorprendere dal tiro di Samardzic e dal colpo di testa di Soopy

Calabria voto 7 Si procura il rigore del pareggio e dà l'assist a Rebic per il raddoppio. Spinge tanto sul fronte offensivo e non soffre mai in fase di difesa.

Kalulu voto 6,5 Non sbaglia nulla e si prende i meritati applausi dei 70mila di San Siro per una splendida chiusura su Deulofeu nel primo tempo.

Tomori voto 6 Partita attenta e nessuna colpa sui gol subiti.

Theo Hernandez voto 7 Trasforma il rigore che porta il Milan sull'1-1 con freddezza glaciale (spiazzando Silvestri) ed è suo il cross da cui nasce la frittata dell'Udinese sul 3-2 poi trasformato da Diaz.

Milan Theo HernandezTheo Hernandez (foto Lapresse)
 

Bennacer voto 7 Regia lucida, detta bene i tempi e con alcune giocate di grande qualità

Krunic voto 6- Non sempre preciso e a volta fatica in chiusura, ma lotta e corre tantissimo. Buona l'apertura per Theo Hernandez che dà il via al gol del 3-2 (dall'83' Pobega sv)

Messias voto 6- Pesa l'errore sul gol del 2-2 di Masina. Per il resto prestazione generosa e ha il merito di andare bene in pressing nell'azione che poi porterà al 4-2 finale (dal 71’ Saelemaekers voto 6 viene inserito per la gestione del finale e fa il suo)

Brahim Diaz voto 8 Entra da protagonista in tutti e quattro i gol del Milan, ne segna uno e mette nel suo score anche un assist. Prestazione di classe quella del numero 10 rossonero, che ci mette anche tanta corsa (dal 71’ De Ketelaere voto 6,5 fa intravedere lampi di classe che promettono grandi cose per il futuro)

Rafael Leao voto 5,5 Giornata grigia: viene ingabbiato dalla difesa dell'Udinese e non trova i suoi soliti spunti in velocità. Nel finale sfiora la rete con un bel sinistro che però finisce alto di poco (dall’83’ Origi sv).

Rebic voto 8 Due gol da navigato finalizzatore d'area di rigore e una prestazione da attaccante a tutto campo: scatta, va in profondità e non dà punti di riferimento ai difensori avversari svariando su tutto il fronte offensivo (dal 71' Giroud voto 6: entra con il Milan in gestione del vantaggio e non ha grandi occasioni di mettersi in mostra)

Pioli voto 7,5 Il suo Milan riparte da dove aveva finito a maggio: giocando un ottimo calcio, con ordine, lucidità e personalità. Senza paure o ansie anche quando arrivano gli errori che portano l'Udinese prima in vantaggio e poi sul 2-2.

MILAN-UDINESE 4-2 TABELLINO

MilanTheo Hernandez, Rebic, Calabria e Krunic (foto Lapresse)
 

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Krunic (83’ Pobega), Bennacer; Messias (71’ Saelemaekers), Brahim Diaz (71’ De Ketelaere), Leao (83’ Origi); Rebic (71’ Giroud). A disp.: Tatarusanu, Mirante, Ballo-Touré, Adli, Bakayoko, Kjaer, Florenzi. Allenatore: Pioli

UDINESE (3-5-2): Silvestri; Becao, Nehuen Perez (65’ Ebosse), Nuytinck; Soppy, Pereyra, Walace (76’ Lovric), Makengo (76’ Samardzic), Masina (82’ Ebosele); Deulofeu, Success (65’ Beto). A disp.: Padelli, Piana, Abankwah, Palumbo, Benkovic, Bijol, Nestorovski, Guessand, Pafundi. Allenatore: Sottil

MARCATORI: 2’ Becao, 11’ rig. Theo Hernandez, 15’ Rebic, 48’ pt Masina. 47’ st Brahim Diaz, 67’ Rebic

Arbitro: Marinelli di Tivoli

Note: 70.197 spettatori per 1.700.088,00 euro di incasso.
Ammoniti: Soppy, Nehuen Perez, Emosele per gioco falloso, Krunic e Becao per reciproche scorrettezze. Angoli: 6-1 per il Milan
Recupero: 4’ pt. 6’ st.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brahim diazmilanrebicudinese




in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.