A- A+
Sport
Rio 2016, Tania Cagnotto bronzo: "Ho saltato col cuore nella mia ultima gara"

E' sorridente e rilassata Tania Cagnotto dopo la sua seconda medaglia alle Olimpiadi di Rio: quel bronzo nel trampolino tre metri scippatole quattro anni prima a Londra e arrivato, oggi, all'ultimo salto nella sua ultima gara della carriera. "Oggi e' una giornata incredibile. Non pensavo di tornare a casa con due medaglie. Ero cosi' contenta dopo il sincro e oggi volevo godermela. Sapevo che sarebbe stata l'ultima gara della mia carriera ed ho saltato con il cuore, per me. Volevo solo il record ed e' arrivato ed e' arrivata anche la medaglia con la canadese dietro di me. Incredibile". Il ricordo dei Giochi di Londra non fa più male. Al contrario: "A questo punto penso che doveva andare così, altrimenti non sarei arrivata qua. Mi ha fatto stare tanto male, ma mi ha insegnato tanto, va bene così". La dedica invece è "per mia mamma e mio papà soprattutto lui ci teneva tantissimo forse anche più di me".

Rio 2016: Cagnotto bronzo nel trampolino individuale - Anche l'ultimo conto e' stato saldato. La quinta e ultima Olimpiade di Tania Cagnotto non poteva che chiudersi nel modo piu' dolce, con la seconda medaglia made in Rio, la prima individuale. E' un bronzo e arriva nel trampolino da tre metri dove quattro anni fa a Londra fa la 31enne altoatesina era arrivata quarta per appena 20 centesimi. Un incubo che l'ha perseguitata negli anni a venire, di cui si era in parte liberata grazie all'argento conquistato con l'amica Dallape' nel sincro. Ma c'era ancora questo conto in sospeso da saldare. La marcia d'avvicinamento non era stata delle migliori, col quarto punteggio in batteria e addirittura il settimo nelle semifinali. Ma la bolzanina ostentava calma: "Le eliminatorie non mi sono mai piaciute, meglio stare indietro e mettere pressione alle altre". E la strategia ha dato i suoi frutti, con la Cagnotto che sfodera sin dai primi salti tutt'altra prestazione rispetto alla giornata precedente: 76,50 nel doppio e mezzo indietro carpiato (eguagliato il primo turno), 75,00 nel doppio e mezzo in avanti con avvitamento carpiato, sua miglior prestazione a questi Giochi. Nell'acqua verdastra del "Maria Lenk" (verra' cambiata solo per il sincro) e' un testa a testa con la canadese Jennifer Abel, mentre davanti le due cinesi Shi Tingmao (406,05) ed He Zi (387,90) fanno una gara a parte e, come da pronostico, portano a casa oro e argento, per quello che e' l'ottavo titolo olimpico di fila per il Paese asiatico in questa specialita'. Ma non era il gradino piu' alto ne' il secondo l'obiettivo di Tania, sapeva che per i primi due posti la corsa era gia' chiusa.

Voleva riprendersi il terzo, sfuggitoleper un niente a Londra, ultimo tassello di una carriera perfetta, fatta di 10 medaglie mondiali, quattro delle quali afferrate proprio dal trampolino da tre metri, e tutte di bronzo. E l'obiettivo e' stato centrato in pieno. La Abel, che ha vissuto in sincro il dramma di Londra della Cagnotto (quarta per poco piu' di un punto, contrappasso di quanto accaduto nel 2012 quando lei e la Heymans soffiarono il podio alla coppia azzurra), partiva con un vantaggio, quello di essere fisicamente piu' prestante della bolzanina, ma in una finale olimpica, e a maggior ragione nei tuffi, conta soprattutto la testa. E quella a Tania non e' mancata. La canadese invece, dopo un secondo salto non eccellente, aveva messo la freccia nel doppio e mezzo in avanti con doppio avvitamento ma nell'ultimo tuffo fa male e per la bolzanina e' festa. Tania, infatti, ha rimediato agli errori di ieri, confermando gli ottimi punteggi raccolti nella prima giornata, vedi anche il 73.50 del triplo e mezzo avanti carpiato, e migliorandosi la' dove era mancata, il doppio e mezzo ritornato carpiato dove raccoglie 69 punti contro i 54,50 e i 64,50 dei giorni precedenti. Ma il vero capolavoro e' l'ultimo salto: un doppio e mezzo rovesciato carpiato dove ottiene 81 punti, chiudendo a 372,80 contro i 367,25 della canadese. Pensando che la finale di oggi sarebbe stata la sua ultima uscita alle Olimpiadi, l'auspicio era stato: "vorrei un bel ricordo". E sotto il cielo soleggiato di Rio, Tania Cagnotto puo' alzare gli occhi al cielo e uscire di scena dalla porta principale. La maledizione stavolta e' finita sul serio

Tags:
rio 2016tania cagnottocagnotto medagliacagnotto olimpiadicagnotto olimpiadi rio 2016
Loading...
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Volvo svela la nuova Volvo C40 Recharge: 100% elettrica

Volvo svela la nuova Volvo C40 Recharge: 100% elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.