A- A+
Sport
Superlega e ipocrisie, perché non è uno scandalo la mossa dei club più ricchi

La ribellione degli Stati nazionali e della politica tutta contro la ventilata nuova superlega del calcio europeo è il grido tardivo di chi ha lasciato scappare i buoi ormai qualche decennio fa. Non ci sarebbe da aggiungere altro. Chi rivendica il romanticismo dello sport dimentica che lo sport ad alto livello è una fabbrica (al pari di qualsiasi altra impresa) che macina ricavi e profitti (ma anche perdite) enormi e si muove di conseguenza, quindi per favore lasciamo perdere le ipocrisie di chi oggi piange la morte del calcio.

La politica dovrebbe occuparsi d’altro, come ad esempio creare spazi gratuiti per lo sport giovanile, incrementare l’attività sportiva nelle scuole, salvaguardare le polisportive, incentivare e promuovere le competizioni di “quartiere”. Da decenni ascoltiamo il lamento sull’assenza dei vivai delle grandi squadre di calcio e ora ci meravigliamo di questa mossa di una superlega dei ricchi? Tranquilli, non succederà nulla che sconvolgerà di più il mondo del pallone di quanto non sia già avvenuto.

Commenti
    Tags:
    superlegaclub ricchiscandalo




    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


    motori
    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.