A- A+
Sport
giuseppe rossi

Rossi "Un onore essere qui, ricomincio da zero" 

-  "Sto ancora facendo il mio percorso per arrivare al top della condizione fisica, qui mi sento a casa, ho rivisto i miei compagni, tutto lo staff, per me e' un onore essere qui, speriamo possa essere un buon punto di partenza". Cosi' Giuseppe Rossi, attaccante della Fiorentina tornato in Nazionale dopo due anni e i gravi infortuni che ne hanno condizionato le ultime stagioni. "E' un anno molto importante per me, ricomincio da zero, torno come un calciatore nuovo, sono in un campionato nuovo, sono in una squadra nuova, con un tecnico nuovo e nuovi compagni e ho tante cose da imparare, ma finora e' tutto positivo, anche se so che si puo' migliorare e lavoro per questo".Prandelli da anni pensa a una coppia d'attacco Rossi-Balotelli. "Conosciamo le caratteristiche di Mario, e' un grande giocatore, ma io mi trovo bene con qualsiasi attaccante, qui in Nazionale e piu' in generale e' stato cosi' in tutta la mia carriera, con Mario o con altri so che qui si puo' far bene. Io il buono del gruppo e lui il cattivo? Ma no, Mario non e' un cattivo, nessuno e' un santo e neanche io. Non siamo agli opposti, abbiamo tante cose in comune, viviamo bene tra di noi qui in nazionale, siamo un bel gruppo". Rossi commenta anche il possibile ritorno in azzurro di Totti. "Conosciamo tutte le sue qualita', e' un calciatore che fa bene al calcio italiano e se dovesse tornare farebbe bene anche alla Nazionale, ma questo si vedra' piu' avanti, adesso pensiamo a fare due buone partite e a crescere come gruppo".

totti modificato 9

Prandelli "Se fossero ora Totti lo convocherei" - "Ho gia' detto che Totti, Cassano, sono giocatori che seguiamo e che un mese prima valuteremo la loro condizione, tutto il gruppo che ci ha portato ai Mondiali. Certo che un Totti cosi', che fa parlare di se', fa riflettere. Se fossimo vicini al Mondiale non ci sarebbero dubbi, lo convocherei". Lo ha detto il ct azzurro Cesare Prandelli, in merito al possibile ritorno di Totti in Nazionale per il Mondiale in Brasile. "Se ci siamo parlati? Non dobbiamo parlarci otto mesi prima, mi auguro che mantengano questa condizione, la priorita' per i Mondiali e' l'atletismo, mi servono 22 giocatori che fisicamente stanno benissimo e un mese prima faremo dei test, l'aspetto fisico sara' determinante".

"Se il Mondiale fosse fra 20 giorni non avrei dubbi - continua Prandelli sulla possibile convocazione di Totti - Il suo modo di stare in campo e' unico, interpreta quel ruolo in una maniera unica". E l'eventuale ritorno del capitano giallorosso non comporterebbe alcun 'rigetto': "Il gruppo accetta qualsiasi giocatori che puo' fare la differenza, che aumenta la qualita' del gioco, e' un problema che non esiste".

cassano modificato 20

Donadoni, "se Cassano continua cosi' merita la Nazionale" -  Da quando ha iniziato il ritiro con il Parma, Antonio Cassano ha perso "come minimo di 7-7,5 chili" e quanto al Mondiale "posso solo dire che se Antonio continua a fare prestazioni di questo livello diventa difficile non prenderlo in considerazione". Lo ha detto Roberto Donadoni, tecnico del Parma, intervenuto ai microfoni di 'Tutti Convocati Week End' su Radio 24. "Cassano sta lavorando bene e dall'inizio del ritiro ad oggi ha perso come minimo 7-7,5 chili e quindi questo dimostra la volonta' che ha di mettersi in discussione e volersi dimostrare ancora una volta agli occhi di tutti il campione che e'".

"Non voglio fare il tecnico della nazionale perche' non mi compete - ha aggiunto - e rispetto troppo Prandelli che sa fare le scelte giuste, ma credo che diventi una cosa positiva per lui avere a disposizione giocatori non piu' giovanissimi e che dimostrano di essere ancora a livello importante come Cassano, Totti o Toni. Sono giocatori con esperienza, qualita' e voglia di fare e bisogna metterlo sulla bilancia: quando offrono prestazioni di questo livello un ct le analizza e fara' la sue scelte, ma sono opportunita' positive". Donadoni e' stato il ct di Cassano nell'esperienza dell'Europeo del 2008: "Antonio si comporto' con il sottoscritto e con il resto della squadra in maniera perfetta, senza dare modo di fare ragionamenti diversi - ha raccontato - Tornare? Dipendera' da lui e dalla voglia che ha i riscoprirsi, farsi vedere e offrire prestazioni di questo livello".

Ghirardi "Cassano perfetto dentro e fuori campo" - "Sono contentissimo per la vittoria e soprattutto per la prestazione della squadra. Nel secondo tempo la squadra ha fatto molto bene e dimostrato un gran bel calcio". Lo ha detto il presidente del Parma Tommaso Ghirardi. "Abbiamo trovato due vittorie fondamentali di fila che ci hanno fatto risalire in classifica e tornare a occupare una posizione che crediamo sia quella piu' adatta a noi. Una valutazione piu' approfondita pero' verra' fatta solo dopo 10 giornate di campionato". "Su Cassano fanno piacere le parole del nostro tecnico che lo ha elogiato, e' un calciatore perfetto dentro e fuori dal campo" ha aggiunto. Paletta? "Credo che il suo rientro sia a buon punto. Con lui la squadra migliorera' ulteriormente". E a proposito della sfida con l'Hellas Verona, "e' una delle sorprese del campionato, ma credo che la nostra squadra abbia le qualita' per fare risultato al Bentegodi. Credo che sara' una bella sfida, molto combattuta".

Problema ad adduttore sinistro,De Rossi torna a casa - Daniele De Rossi torna a casa. Il responsabile medico della Nazionale italiana, Enrico Castellacci, in vista della trasferta in Danimarca, ha spiegato che il centrocampista della Roma "lascia il ritiro perche' abbiamo verificato che presenta una tendinopatia inserzionale dell'adduttore sinistro. E' abbastanza sofferente, anche se non e' niente di grave, pero' chiaramente rimanere qui lo limiterebbe molto". Castellacci ha ricordato che il calciatore "ha gia' sofferto di un problema alle dita dello stesso piede, ora e' subentrato questo problema all'adduttore sinistro e riteniamo opportuno che torni a Roma per le cure del caso".  Per quanto riguarda invece Pasqual, "ha riportato una piccola sublussazione alla spalla. Qualcosa che non comporta l'esclusione da questo ritiro. Fara' le cure del caso qui e potrebbe essere tranquillamente a disposizione. Non ci sara' bisogno per lui di un tutore". Castellacci ha parlato anche di Giuseppe Rossi, tornato in Nazionale a quasi due anni di distanza. "Arriva qui giocando e questo e' un segno positivo. Ho gia' visitato Pepito, l'ho trovato abbastanza bene. Le condizioni di forma le ritrovera' piano piano, e' in buona condizione. Ha giocato domenica, quindi le sue condizioni sono discrete da un punto di vista fisico. Sara' il mister a valutare dal punto di vista tecnico un suo eventuale impiego in campo. Essendo un chirurgo ortopedico, ho gia' visto recuperi fisici come il suo, sono particolarmente felice per Pepito perche' sono legato a lui. Rivederlo qui in Nazionale, dopo tante peripezie dal punto di vista fisico e psicologico, ci riempie di gioia ed e' una soddisfazione per tutto l'ambiente azzurro".

Tags:
tottiprandellicassanodonadoni
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.