A- A+
Sport
Vialli, Mancini rompe il silenzio: "Sto male, speravo nel miracolo"
Roberto Mancini (Lapresse)

Vialli, Mancini rompe il silenzio: "Ho perso un fratello"

I funerali di Gianluca Vialli si svolgeranno lunedi' 9 gennaio in forma privata a Londra, la citta' dove l'ex calciatore e' morto a 58 anni e dove viveva con la famiglia. E nello stesso giorno, a Cremona, dove Vialli e' nato, sara' lutto cittadino con le bandiere del palazzo comunale a mezz'asta. "Speravo in un miracolo. Con Gianluca ho vissuto quasi tutta la vita assieme, il nostro e' stato un legame stretto, un legame che possono avere due fratelli", ha rivelato il ct azzurro Roberto Mancini, in una intervista prodotta e diffusa dalla Federcalcio.

Gli ex gemelli del gol si sono visti per l'ultima volta il 29 dicembre nella stanza della clinica londinese dove Vialli era ricoverato: "Speravo che accadesse qualcosa, speravo in un miracolo sinceramente, ci siamo visti, abbiamo parlato, scherzato, era di buon umore come al solito, e mi ha fatto piacere vederlo di buon umore in quel momento", ha affermato Mancini, il cui rapporto con Gianluca "e' sempre stato di grande rispetto, affetto, amore, amicizia. Lui era un ragazzo gioioso, sempre allegro, pochissime volte l'ho visto arrabbiato. Credo che a lui farebbe piacere essere ricordato per quello che realmente e': oltre ad essere stato un grande calciatore, un grande professionista, con un carisma straordinario per tutti noi, poi era un ragazzo allegro, cui piaceva la vita".

Stasera alle 21.20 andra' in onda su Rai 2, in prima visione assoluta, "La bella stagione", il documentario che racconta l'incredibile cavalcata della Sampdoria di Vialli e Mancini verso lo scudetto del 1991, attraverso le voci dei giocatori e membri dello staff che hanno vissuto sulla loro pelle le bellissime stagioni dei primi anni Novanta, e quelle dei giornalisti che ne hanno scritto e parlato.

"E' un film - ha spiegato il ct - che riguarda l'anno dello scudetto e quindi ci sono delle cose calcistiche, pero' e' stato fatto soprattutto per far vedere quanto sia importante l'amicizia tra persone che lavorano nello stesso gruppo e dove si puo' arrivare quando c'e' questa coesione. Credo sia molto importante per questo, ci sara' da piangere anche stasera, lo abbiamo gia' fatto un po' di tempo fa, ma il film e' molto bello, da vedere, ci sono dei ricordi molto belli". Dopo quello di Mancini, ecco il ricordo dolce di Giuseppe Dossena, altro ex compagno di Vialli: "E' stato molto facile volergli bene, perche' lui era un mostro di empatia, aveva garbo. Era uno di quelli con cui potevi farci una crociera, non ti saresti mai stancato". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mancinivialli




in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.