A- A+
Sport
Zeman: "Io sono juventino dalla nascita. Ce l'ho con chi ci stava"

Il nome del tecnico boemo e' da anni accostato alla Juventus, per la battaglia che lo vide protagonista negli anni Novanta ma "io sono juventino dalla nascita, nella mia famiglia si parlava solo di mio zio - precisa Zeman - Io ero nato nel '47, lui nel '47 giocava nella Juve, mi parlavano solo di lui. Quando ho capito qualche cosa di calcio, l'ho sempre seguito. Non ho mai smesso, conosco la storia e quello che si e' fatto, poi oggi ci sono tante polemiche che ho contro la Juventus, ma io ce l'ho con i personaggi che stavano alla Juve, che e' diverso. A me dispiace che non siano venute fuori le intercettazioni perche' si sarebbe capito cosa succedeva. Le mie dichiarazioni mi hanno danneggiato sul piano professionale ma spero di aver aiutato il calcio in generale. Ridirei tutto e aggiungerei altro ma in questo momento non ricordo bene...", ha spiegato ai "I Signori del Calcio"

E con la Juve ha lottato per lo scudetto nella stagione '94-'95. "Siamo arrivati secondi con tanto distacco, ma la differenza era nelle due partite con la Juve, sei punti in piu' a noi e sei in meno a loro ed eravamo primi noi. Mi ricordo all'andata, vincevamo 1-0, poi ci fu l'espulsione di Cravero, per la regola del tocco di mano per cui si ammoniva, e invece e' stato espulso. Nella seconda partita c'eravamo sul piano del gioco ma non su quello del risultato, e alla fine e' quello che conta".

Dalla Lazio alla Roma, col ritorno in giallorosso di due stagioni fa che si e' concluso con l'esonero. "L'ultimo anno di Roma e' stato un anno strano, sono tornato perche' convinto di poter dare qualche cosa e purtroppo dall'inizio sono nati problemi, non tanto con la squadra, ma di mentalita', su come andare avanti - racconta Zeman - Quindi si e' sempre lavorato non nelle condizioni mentali giuste. Nonostante tutto si e' lavorato, la Roma ha conquistato la finale di Coppa Italia, ha messo in vetrina giocatori come Marquinhos, Lamela e Osvaldo. Mi dispiace per i risultati perche' sono convinto che la squadra, se c'era armonia e la stessa visione, poteva far bene come ora". Ma quello e' il passato, il presente e' Cagliari, che "e' di tutta la Sardegna, e' bello avere dietro la gente che ti sostiene, che vuole vedere qualche cosa. Daniele Conti l'ho ritrovato dopo tanti anni, e' migliorato, come personalita', oggi e' l'uomo piu' importante della squadra, anche quando non gioca. Con me alla Roma era un ragazzino, lo vedevano come figlio di Bruno e a lui pesava".

"Io voglio lavorare - e' lo Zeman pensiero - Poi non dipende da me. Fin quando i presidenti mi affidano le squadre io vado avanti, fisicamente sto in piedi e mi basta. La mia vittoria da allenatore e' fare una squadra che sia apprezzata dalla gente e che dia emozioni, poi i risultati non sono sempre specchio di quello che si e' visto sul campo. Posso perdere una partita 4-0 ed essere contento e viceversa". Per quanto riguarda i colleghi, Zeman spende belle parole per Conte e Guardiola. "E' la partenza che mi avvicina a lui, quando io ero a Foggia e lui a Lecce ho tentato di farlo acquistare, poi non ci sono riuscito perche' mio zio me l'ha rubato, anche su segnalazione mia l'ha portato alla Juve - rivela - Conte non si risparmiava, ha lavorato sempre, era un giocatore importante per la Juve e per la Nazionale. Ora che fa l'allenatore continua sul serio e fa diventare i giocatori com'era lui".

Per quanto riguarda il tecnico catalano, invece, "pensavo che fosse troppo facile fare l'allenatore del Barcellona. Mi sono ricreduto quando e' passato al Bayern Monaco. L'anno prima aveva vinto tutto e lui e' riuscito a migliorarlo. Troppo bravo. In Germania oggi il calcio e' lo sport, si cerca di fare di tutto, non si risparmiano in campo e in allenamento, noi abbiamo una mentalita' piu' permissiva e leggera, poi le differenze si vedono". Chiamato infine a elencare i piu' forti giocatori italiani di sempre, secondo il boemo "l'Italia ha avuto tre fenomeni: Rivera, Baggio e Totti hanno avuto sempre qualcosa di piu'. Nesta per lunghi anni e' stato il miglior difensore centrale del mondo, giocava solo contro tutti. E Signori, perche' nel Piacenza da mezz'ala e' diventato attaccante vero, ha vinto la classifica capocannonieri. Era sempre un giocherellone, quando hai fatto tanto e sei importante, vieni avvicinato da gente cattiva con altri fini. Lui ha dato sempre la sua disponibilita' a tutti e l'ha data alla gente sbagliata".

Tags:
zemancagliariboemo
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

Hannibal mette a fuoco l'Italia
Meteo, temperature fino a 35°


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.