A- A+
Toscana
Firenze, Dario Nardella riduce gli orari della ZTL per agevolare la ripresa

Dal 24 agosto, e almeno fino all’intero mese di ottobre, la Ztl a Firenze avrà orari più ridotti, in modo da consentire anche ai non residenti di accedere ad aree di parcheggio più comode per fare shopping o visitare il centro. Ad anticipare il provvedimento è stato lo stesso sindaco Nardella questa mattina (6 agosto 2020) durante un incontro on line con i referenti delle associazioni di categoria.

“Esprimiamo piena soddisfazione per un provvedimento,finalizzato a riavvicinare i fiorentini al centro storico,che accoglie la richiesta unanime delle categorie economiche provvedimento e offre un segno tangibile di attenzione alle loro ragioni”, sottolinea il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni. “Un gesto, quello di Nardella e della sua giunta, che dimostra piena sintonia con la città e le sue esigenze. Non si trattava di mettere in discussione la filosofia di un progetto di città che aveva ed ha ancora le sue ragioni, ma di prendere una decisione temporanea per gestire al meglio un’emergenza. Bravo, dunque, Nardella!”.

“L’effetto Covid è disastroso: cancellati d’un colpo quei 16 milioni d turisti che tenevano in piedi gli equilibri economici della città, si tratta ora di spingere sul tasto dell’accessibilità invitando i fiorentini stessi, e in generale i connazionali, a frequentare il centro”, prosegue Marinoni. “È importante quindi comunicare nella maniera giusta che Firenze è ben fruibile, ordinata, raggiungibile da tutti, ha un piano del traffico e dei parcheggi efficiente e controllato. Non basterà questo a risolvere la crisi, ma è comunque un passo importante anche a sostegno delle imprese. Che non vogliono sussidi, ma vogliono lavorare e tornare a vedere gente davanti alle vetrine”.

Tra le novità anticipate dal Sindaco, la trasformazione di via dell’Ariento in un parcheggio serale a servizio dell’area di San Lorenzo, dalle ore 20.30, quindi una volta sgombrata dai banchi. Diventeranno parcheggi serali anche le piazze Ognissanti e Strozzi, sempre per facilitare la frequentazione del centro storico.

Nel corso dell’incontro, Confcommercio ha poi chiesto al Sindaco di agire su Firenze Parcheggi affinché renda utilizzabili a tariffe ribassate i tantissimi posti che quotidianamente rimangono inutilizzati. In particolare, l’associazione chiede che siano messi a disposizione al costo di 1 euro l’ora in orario diurno, dalle 8.00 alle 20.00, e di € 0,50 in orario notturno dalle 20 alle 8. “Questo incentiverebbe i toscani a tornare a frequentare la città, sia di giorno per fare spese nei negozi, sia di sera per godersi ristoranti e locali di divertimento”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    firenzedario nardellaorariztlparcheggiocentrozona traffico limitatacentro storicoripresaattività economichecommercio
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Jaguar, rinnova la gamma della XF

    Jaguar, rinnova la gamma della XF


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.