A- A+
Toscana
Firenze, il Questore Santarelli visita la sede locale dell’ANPS

40 anni fa veniva promulgata la Legge n. 121 del 1981, una Legge che ha ridisegnato l’intero sistema dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza, trasformando la Polizia di Stato in una Forza di Polizia a carattere civile e non più militare

Nel rispetto delle vigenti disposizioni per il contenimento della pandemia, il Questore è stato accolto da Sergio Tinti - Presidente della sede fiorentina dell’ANPS - da un ristretto gruppo di poliziotti in pensione e dall’ex Prefetto Padoin, la cui vicinanza all’Istituzione rappresenta motivo di orgoglio. Un’Associazone, l’ ANPS, ancora vicina alle persone, anche con attività di volontariato, e con la quale sono condivisi tutti i momenti istituzionali della Polizia di Stato. Un’ideale quanto sentito passaggio di consegne tra passato e presente, quello di oggi, un momento di ricordo vissuto tra le uniformi e le effigi del passato quali guardiani della memoria del tempo.

Il Questore Santarelli ha voluto evidenziare come “nel 1981 sono state dismesse le impronte del passato in favore di una Polizia moderna, che ha gettato le basi per arrivare oggi ad essere un’ Istituzione “tra” i cittadini. E’ la contiguità alla cittadinanza tutta, favorita dal senso del servizo, che permette di captare i bisogni di sicurezza della società che cambiano con il veloce - se non repentino - mutare delle contingenze storiche. Una Polizia, quella di oggi, dotata di una notevole capacità di adattamento di fronte alle richieste sociali, e che, nel garantire il rispetto della Legge, privilegia l’umanità e il dialogo con la comunità della quale garantisce la sicurezza”.

La Legge 121, così chiamata tra i professionisti della sicurezza, ha anche sancito, all’insegna della democraticità e del dialogo, il diritto di organizzazione sindacale e l’accesso al personale femminile a tutti i livelli ed ha anche istituito il ruolo dell’Ispettore con mansioni investigative, figura tanto amata dai lettori appassionati di polizieschi. L’incontro è stata anche l’occasione per ricordare la recentissima scomparsa dell’ex Prefetto di Roma Carlo Mosca, avvenuta il 30 marzo all’età di 76 anni ed i cui funerali si svolgeranno oggi 1 aprile. Il destino ha voluto questa concomitanza, proprio nel giorno della pubblicazione della Legge 121 della quale il Prefetto Mosca è stato uno dei principali interpreti, se non una guida nella formazione coscienza collettiva della “nuova” Amministrazione della Pubblica Sicurezza.

 

Commenti
    Tags:
    firenzepolizia di statoquestorepubblica sicurezza
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Covid, tranquilli finirà tutto Mi raccomando vacciniamoci…

    Costume

    Covid, tranquilli finirà tutto
    Mi raccomando vacciniamoci…

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."

    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto

    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.