A- A+
Viaggi
Non solo grattacieli, il Qatar si propone come meta del turismo ecosostenibile

Non solo vertiginosi grattacieli protagonisti dello skyline più suggestivo e innovativo. Non solo fortezze di città abbandonate dal glorioso passato o suggestive colombaie progettate secondo i canoni architettonici islamici. In quanto destinazione turistica emergente, il Qatar si distingue per il suo crescente impegno a favore della tutela dell’ambiente e dello sviluppo eco-sostenibile. La sostenibilità è infatti tra i principali impegni della Qatar National Vision 2030, la strategia del Paese al fine di promuovere una rapida espansione interna e garantire l’armonia tra la crescita economica, lo sviluppo sociale e la tutela dell’ambiente. Questa visione include un’alta soglia di attenzione e impegno per l’espansione turistica del Qatar.

Attorno al settore turistico, il Consiglio nazionale del turismo del Qatar sta guidando lo sviluppo sostenibile per i settori urbani e ambientali, sia per migliorare gli asset esistenti sia per crearne dei nuovi, pronti ad accogliere i visitatori.

Uno tra gli esempi più virtuosi dello sviluppo eco-sostenibile del Qatar è la città di Lusail (nella foto), il più grande progetto di sviluppo sostenibile intrapreso dallo Stato del Qatar. Situata a nord della West Bay di Doha, Lusail è un significativo lavoro di urbanizzazione che si espande su 38 chilometri quadrati, che comprende sia quartieri residenziali che commerciali, compresi 22 hotel, campi da golf e un parco divertimenti.

In quanto città smart, Lusail è progettata per essere una delle città più innovative, tecnologicamente avanzate e connesse. I visitatori possono godersi habitat naturali e la ricca biodiversità nei grandi spazi verdi che coprono circa il 20% della città. Lusail è progettata anche per ridurre le emissioni di carbonio e creare un’esperienza piacevole per il visitatore, includendo un’estesa zona pedonale e ciclabile per ridurre il traffico. Molte strutture di Lusail incontrano gli standard globali per la sostenibilità e sono certificate GSAS (Sistema di assessment per la sostenibilità globale).

Un altro Progetto che sta portando la sostenibilità al cuore è Msheireb Downtown Doha. Costruita là dove sorgeva il Vecchio distretto del centro Msheireb, è stato progettato per integrare l’estetica dell’architettura qatariota alle tecnologie moderne e sostenibili, in modo da rispettare sia l’autenticità del patrimonio che l’ambiente. I visitatori possono godersi una piacevole passeggiata per le strade del Msheireb Downtown Doha – progettato per catturare una brezza fresca proveniente dal Golfo – o ammirare le attrazioni migliori a bordo del tram comodo ed eco-friendly.

Lo sviluppo eco-sostenibile non influenza solamente l’area dell’urbanizzazione.

Il Qatar è attivo anche nella tutela e salvaguardia dell’ambiente, attraverso la protezione di numerose specie animali vulnerabili e del loro habitat.

Recentemente, il QNTC ha celebrato la conservazione di uno dei mammiferi acquatici locali preferiti, il dugongo, che sarà il soggetto di una prossima mostra al Museo Nazionale del Qatar. L’esibizione vuole accendere i riflettori su questi giganti gentili, con il QNTC che incoraggia i visitatori ad imparare di più sia sul mondo sottomarino del Qatar, sia sugli sforzi che il paese sta intraprendendo per proteggere le specie animali vulnerabili e il loro habitat.

Sede della seconda più grande popolazione di dugonghi a livello globale, i continui sforzi del Qatar per studiare e proteggere i mammiferi marini hanno portato a un raro avvistamento di un gruppo di 840 dugonghi nel 2020.

 

Commenti
    Tags:
    dohaqatarfortezzegrattacieli
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...

    Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...


    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.