A- A+
Affari Europei
Verdi, apertura al M5s: il Conte bis lancia Di Maio in Europa

Il Conte bis fa bene al M5s, quantomeno in Europa. Dopo che alla fine delle elezioni europee di maggio il movimento guidato da Luigi Di Maio non era riuscito a formare un nuovo eurogruppo autonomo e né era entrato in uno di quelli esistenti ora le cose possono cambiare. I Verdi avevano infatti respinto qualche mese fa l'opzione, vista l'alleanza del M5s con i sovranisti della Lega, situazione che rendeva di fatto impossibile una coesistenza con gli ambientalisti europei. Ma ora le condizioni in Italia sono cambiate e le porte dei Verdi potrebbero spalancarsi davanti al M5s, nonostante il gruppo non abbia votato la fiducia alla neo presidente Ursula von der Leyen.

Ue: Verdi decidono prossima settimana se aprire a M5S 

"La fine dell'alleanza con la Lega ha tolto uno dei grandi ostacoli nel cammino di una eventuale alleanza del M5S nei Verdi al parlamento Ue". Lo afferma il co-presidente dei Verdi europei Philippe Lamberts, precisando che il M5S "ci ha contattato e ci ha chiesto di avviare una discussione" e "noi a inizio della prossima settimana, fra lunedì e martedì, ne parleremo con il Gruppo e se sarà d'accordo inizieremo una discussione con loro. Le discussioni dovranno chiarire le divergenze che abbiamo con loro, oltre alle convergenze - ha precisato Lamberts -. Ma prima di parlare di alleanze dobbiamo chiarire i punti che sembrano problematici. Ad esempio - ricorda il co-presidente dei Verdi - uno dei punti di divergenza è stato il voto alla presidente designata della Commissione europea Ursula von der Leyen sul quale noi abbiamo votato contro", mentre il M5S l'ha appoggiata. Le "nostre discussioni serviranno a chiarire tutti i punti ancora oscuri, certo non posso metterci la mano sul fuoco su come deciderà il gruppo, vedremo", ha assicurato Lamberts. "Una cosa però è chiara adesso un ostacolo è stato tolto, una volta che loro hanno rotto l'alleanza con Salvini, ma restano altri punti" da chiarire. "Devo riconoscere che su un'enormità di temi al parlamento europeo il lavoro dei cinquestelle e' stato vicino al nostro, ma allo stesso tempo ci sono state alcune questioni come Dublino o il futuro dell'Europa in cui non sono mancate le divergenze" fra noi. 

Manovra:Di Maio, fuori dal deficit gli investimenti verdi 

Non a caso nel frattempo il M5s ha dato una decisa svolta ambientalista alle sue politiche, proponendo una green rule per l'Europa. In sintesi: una regola 'verde' affinché una parte della spesa per investimenti a favore della sostenibilita' e per contrastare i cambiamenti climatici venga esclusa dal calcolo del deficit. L'idea, come spiegato dal Sole 24 Ore, prevede che la quota da scomputare sia pari al 2,5 del pil per ogni Stato membro in linea con le stime degli accordi di Parigi del dicembre 2015. E contempla l'introduzione di green bond emessi dai Paesi europei, ovvero obbligazioni per finanziare le spese legate allo sviluppo ecosostenibile e alla lotta contro i cambiamenti climatici.

Commenti
    Tags:
    verdim5sdi maioparlamento ueconte
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up

    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.