I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Recovery, l’abolizione del salario minimo e l’inizio del massacro di classe

L’Unione Europea ci regala il suo ennesimo “scherzo da prete”, come usa dire. Nella versione finale del “Recovery Plan” inviato al Parlamento, sparisce il salario minimo. Eppure, come sapete, esso era presente nella bozza. 

Ed era, di più, uno dei temi che maggiormente erano stati impiegati, al tempo, per addomesticare e imbonire l’opinione pubblica: per convincerla, segnatamente, che contrariamente a quanto va ripetendo la vieta retorica sovranista, populista e complottista, l’Unione Europea coincide con l’El Dorado dei diritti, con la cornucopia del welfarismo e con il bengodi delle classi lavoratrici. 

Insomma, diciamolo apertamente: hanno impiegato artatamente il tema del salario minimo per indorare la pillola dell’ennesimo dono avvelenato, quello del Recovery Plan, per indurre le masse teledipendenti e manipolate dal circo mediatico ad accettare, ancora una volta, ciò che negava completamente i loro interessi basici. 

E ora scopriamo, senza invero stupircene, che il salario minimo è uscito dal circolo dell’apparire, come se mai fosse stato proposto: la sua funzione l’ha svolta e ora i cinici tecnocrati senz’anima che chiamano “integrazione europea” il massacro di classe gestito dall’alto possono annichilirne ogni traccia. 

L’inganno del Recovery Plan, peraltro, non si risolve in questa vergognosa e inqualificabile promessa smentita del salario minimo. Come se non bastasse, accanto a ciò v’è il fatto, non meno inqualificabile, che, nella “torta” del Recovery Plan, la fetta più modesta è quella dedicata alla sanità: appena 15,6 miliardi, a fronte dei 57 miliardi consacrati alla “transizione ecologica”; formula squisitamente orwelliana che allude, al di là del “velame de li versi strani”, al transito alla green economy delle classi dominanti, ossia al new capitalism ritinteggiato di verde. 

Insomma, nel bel mezzo di un’emergenza che ci dicono essere una pandemia globale, i danari destinati alla sanità pubblica vengono per ultimi in ordine di importanza, dopo la transizione ecologica, dopo la digitalizzazione e dopo una non meglio chiarita “inclusione”. 

Insomma, s’è ampiamente inteso: il motto “la salute è la cosa più importante” vale, per i centurioni dell’ordine neoliberale, solo quando si tratta di comprimere i diritti e le libertà; quando si tratta di distribuire i fondi, la salute diventa, al contrario, la cosa meno importante.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    recovery salario minimorecovery salario massacrorecovery massacro classe
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il WWF lancia l'allarme leoni Popolazione crollata del 90%

    Green

    Il WWF lancia l'allarme leoni
    Popolazione crollata del 90%

    i più visti
    in vetrina
    Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo

    Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.